Un nuovo punto screening, dotato di un mammografo digitale di ultima generazione, ha aperto i battenti sulle Madonie. È stato realizzato nei locali dell’ospedale vecchio di Cefalù, in via Aldo Moro 1. Prima tutte le donne del posto dovevano recarsi al noscomio “Salvatore Cimino” di Termini Imerese, adesso avranno la possibilità di sottoporsi all’esame nella propria città.

Si amplia così la rete dello screening mammografico per la prevenzione dei tumori al seno dell’Asp di Palemo: quello aperto a Cefalù è il tredicesimo punto e si va ad aggiungere a quelli di Carini, Ex Ipai di via Carmelo Onorato, Ospedale Ingrassia, Pta Albanese, Villa delle Ginestre, Ospedale Civico di Partinico, Ospedale Madonna dell’Alto di Petralia Sottana, “Cimino” di Termini Imerese, “Dei Bianchi” di Corleone, Poliambulatorio di via Mattarella a Bagheria, Poliambulatorio di via Cali a Lercara Friddi e al Poliambulatorio di Contrada Grecale a Lampedusa.

Nella prima giornata di apertura sono state sedici le donne a effettuare lo screening. E questo nell’ambito del progetto di prevenzione dell’Azienda sanitaria del capoluogo che, in base ai programmi ministeriali, dà alle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni la possibilità – con l’invio di una lettera – di fare gratuitamente, ogni due anni, una mammografia bilaterale.

Tutte le prestazioni e gli esami erogati nel percorso screening sono gratuiti.

Per candidarsi spontaneamente allo screening mammografico o ricevere informazioni è possibile contattare il numero verde 800833311 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13.30) oppure inviare un messaggio Whatsapp al numero 334.6899411.