È il primo per preferenze nella lista della Lega a San Casciano, Vincenzo Bosco. Originario di Castellana Sicula, è stato capolista della Lega nel sostegno della candidatura a sindaco di Daniela Manzoli.

Bosco, autoferrotranviere, si è candidato con il motto “San Casciano, cambiare si deve, cambiare si può”. Nella sua stessa lista si è candidata l’avvocato Eleonora Leoncini (avvocato), seconda consigliera della Lega.

Un risultato storico per il partito di estrema destra, che finora non era mai riuscito a entrare nel consiglio comunale del paese.

Bosco ha ringraziato con un emozionato post su Facebook, che recita: sono stato eletto consigliere comunale nella città di San Casciano Val Di Pesa… non ci credo ancora! Mi hanno chiesto di rappresentarli, scrivendo il mio cognome, e lo farò onorando il loro sostegno, impegnandomi per portare avanti le battaglie per cui mi avete votato.

Ancora, il leghista dal cuore madonita, scrive: cercherò di essere un degno rappresentante politico delle vostre critiche e delle vostre proposte. Rappresentante di tutti: di chi mi ha votato, di chi ha votato i miei colleghi e anche di chi ha deciso di votare i nostri avversari o addirittura di non votare.

Bosco ha poi ringraziato la famiglia. Si troverà all’opposizione, perché il Comune ha eletto con il 70% delle preferenze il sindaco Roberta Ciappi (Pd, Lista Volpe e Sinistra Sancasciano).

Tuttavia, il risultato raggiunto dalla Lega in generale non è male: si trova al secondo posto con 1348 voti. Al di là degli schieramenti politici, auguriamo a Vincenzo Bosco un buon lavoro.