Formare una classe dirigente autorevole e preparata, in grado di rappresentare le istituzioni con serietà e rigore morale.
Con questo proposito, nel 2017 è nata la Scuola Politica del Mezzogiorno, fondata  da un gruppo di soggetti di diversa estrazione quali studenti universitari, professionisti e amministratori, accomunati dalla passione per la “cosa pubblica” intesa come strumento per migliorare la qualità della vita della collettività attraverso l’impegno a favore dei cittadini.

Un open space che acquista ancora più valore alla luce del momento storico e sociale in corso, che necessita di una rivoluzione culturale a partire dalla quotidianità.

Un obiettivo ambizioso, che il comitato promotore – che vede alla guida del coordinamento della Scuola Tommaso Di Matteo e Gianfranco Gentile, rispettivamente segretario generale della Confederazione Nazionale della Piccola Proprietà Immobiliare e presidente del consiglio comunale di Pettineo, in provincia di Messina – ad oggi, ha realizzato: la Scuola è giunta infatti con successo al terzo anno consecutivo, arricchendosi nel tempo di contenuti, relatori e ospiti prestigiosi.

Per il nuovo anno, l’appuntamento è fissato per il 23 febbraio presso gli spazi di Palazzo Trabia, a Santo Stefano di Camastra, in provincia di Messina; la sessione del 2019 prevede inoltre un incontro a Palermo il 23 marzo prossimo, e un altro tra il 6 e il 7 aprile ancora in via di definizione.

I lavori saranno dedicati a tematiche che afferiscono principalmente ai ruoli e ai compiti delle istituzioni e all’impegno pubblico tra le istanze del territorio e i nuovi scenari determinati dai social network; la finalità è quella di offrire occasioni di riflessione e confronto, sollecitando la coscienza civica e promuovendo la nozione di buon governo, formando politicamente tutti coloro che vogliano dare un contributo alla società in termini di crescita culturale, amministrativa ed economica in virtù delle professionalità e delle conoscenze acquisite.

La formula della sessione 2019 rimane la stessa degli anni precedenti: un parterre di relatori di tutto rispetto discuterà con i partecipanti su argomenti di carattere sociale e di attualità; prevista anche l’attivazione di possibili tavoli tematici per stilare una relazione finale e per enucleare criticità, punti di forza e di debolezza, dalla quale trarre spunto per la realizzazione di interventi e manovre migliorative.

Una scommessa importante, in un periodo storico come quello attuale che sembra avere archiviato la necessità di formare  chiunque abbia intenzione di dedicare il proprio tempo alla politica: alla Scuola, il merito di avere risvegliato il desiderio di conoscere un mondo che, se vissuto all’insegna dei principi della correttezza e del bene comune, rimanda alla nobile nozione di “polis”, ovvero città.

Chiunque volesse ricevere informazioni, può inviare una mail a segreteria@scuolapoliticadelmezzogiorno.it