Il piano straordinario di pulizia avviato un mese fa dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando è un flop e a farne le spese sono i cittadini, alle prese con una grave situazione igienico – sanitaria.

Ad affermarlo è la Lega che, nel corso degli ultimi giorni, ha attaccato l’amministrazione comunale su diversi fronti : dalla cultura alla raccolta dei rifiuti, passando per le critiche rivolte al primo cittadino in merito a un possibile accordo con il presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè sulla costruzione condivisa di una nuova candidatura per le prossime elezioni in città.

Dopo Elio Ficarra e Giovanni Callea, è Andrea Aiello, vice coordinatore cittadino del partito di Matteo Salvini, a intervenire in materia di vivibilità e ambiente, puntando l’indice contro il degrado che affliggerebbe soprattutto una specifica porzione della città : la quinta circoscrizione, ovvero l’area che comprende Zisa, Noce, Borgo Nuovo e Uditore Passo di Rigano.

Andrea Aiello

«Un territorio abbandonato a se stesso che vive nel più totale degrado – afferma Aiello – con servizi inesistenti quali le manutenzioni e la raccolta dei rifiuti che procede a singhiozzo».

«Da mesi – precisa – sollecito gli organi competenti, tra cui la Rap, ma devo dire con amarezza che Orlando continua a beffarsi dei suoi cittadini».

Una denuncia molto dura, che fa seguito al flop – secondo la Lega – del piano per il decoro avviato un mese fa che aveva coinvolto, oltre alla Rap, anche la Reset , la società consortile per azioni che ha preso il posto della Gesip e per la quale lavorano, tra gli altri, giardinieri, addetti alle pulizie e custodi.

«A quanto pare, però – osserva l’esponente della Lega – la nostra circoscrizione sembra essere per loro e per il sindaco un luogo fantasma : anche il resto della città, su questo versante, non è messo proprio bene».

Secondo Aiello, la mancata pulizia sarebbe soltanto l’ultimo di una lunga serie di disagi che i residenti dell’area hanno dovuto subire di recente.

«Il territorio – conclude – si è visto espropriare negli ultimi mesi di alcuni presidi istituzionali quali la postazione anagrafica e la sede dei vigili urbani : se ne è capace, Orlando intervenga personalmente per dare dignità ai tanti residenti che vivono giornalmente una situazione diventata ormai insostenibile».