“A mala corda” , il racconto dell’autore termitano Giorgio Lupo (nella foto) che ha fatto incetta di premi e riconoscimenti, al centro di un nuovo evento culturale nella stessa location dove, nei giorni scorsi, si è tenuta la presentazione del libro “Il Re Scorpione ” di Vincenzo Vizzini.

Il battello “New Yachting Club”, presso il molo di sottoflutto del porto di Termini Imerese,  ospiterà infatti  un’iniziativa letteraria di grande interesse, che avrà quale protagonista lo scrittore –  insignito dei premi “Writers Magazine Italia” giunto alla quarantatreesima edizione e “Racconti Tricolore” ideato e organizzato dall’agenzia letteraria “ Scribo” di Lanciano, in Abruzzo  – e che si terrà sabato 8 giugno alle 18:00.

Sarà proprio Nicoletta Fazio, ideatrice, insieme alla sorella Giuseppina,  dell’agenzia di scrittura, servizi editoriali e ufficio stampa, a moderare i lavori che vedranno la presentazione dell’antologia “Il tempo, gli uomini, le cose ”, edita da “Il Viandante”, all’interno della quale è contenuto il racconto di Lupo.

Sono in tutto ventinove gli autori selezionati nella pubblicazione, frutto della prima edizione del Premio di selezione editoriale per inediti “Racconti tricolore”, ideato e organizzato dall’agenzia “Scribo”.

Una raccolta di racconti brevi nella quale l’Italia assume il ruolo di scenografia dove si innestano storie comuni, circostanze eterogenee e diversissime: una sorta di teatro dei vizi e delle virtù che funge da pretesto per narrare eventi minori ma spesso attraversati da stati d’animo e sentimenti universali.

Il parterre di relatori, oltre allo stesso autore, comprende lo storico e scrittore Ignazio Coppola e la scrittrice Rosalba Costanza. 

Coppola ha svolto nel tempo la professione giornalistica collaborando con testate quali “L’Ora” di Palermo e si è occupato di cultura per l’edizione palermitana de “La Repubblica”; è stato inoltre relatore nell’ambito di numerose conferenze riguardanti i temi storici, soprattutto meridionalisti e risorgimentali e ha scritto numerose pubblicazioni dedicate anche all’economia.

Rosalba Costanza, termitana, insegnante, ha compiuto diverse esperienze professionali molto significative, anche a contatto con i bambini diversamente abili.

Non ama essere definita una scrittrice, bensì “ un’ autrice di pensieri in viaggio”: la sua prima pubblicazione, a cura della casa editrice “Alter Ego” di Viterbo, è stata “ Oltre la vita”,  che bene sintetizza il suo approccio alla parola e alla narrazione.

Le letture saranno affidate alla poetessa Rita Elia e all’attore Mimmo Minà.

La prima presiede l’associazione  “Termini d’Arte” – che ha fondato – attiva sul versante della promozione della cultura con particolare attenzione dedicata alla poesia, alla storia e alle tradizioni siciliane, attraverso conferenze, mostre, convegni e seminari.

Tra le varie attività dell’associazione figurano il bando e l’organizzazione  del Premio nazionale di Poesia “Himera” giunto alla VII edizione, con una sezione speciale sull’archeologia, i beni culturali e ambientali in Sicilia e il Concorso poetico “Il Canto della Musa” rivolto agli studenti di ogni ordine e grado; in occasione della Giornata Mondiale della Poesia, inoltre, promuove un raduno poetico a livello regionale al quale partecipano anche autori provenienti dal resto d’Italia.

Minà, interprete, regista e autore teatrale, ricopre il ruolo di direttore artistico della “Bottega Culturale”, uno spazio che ospita rassegne, laboratori, mostre e incontri.

Molto apprezzata la sua interpretazione del Beato Padre Pino Puglisi nel musical diretto da Gea Stramacci ed Enzo Paolo Turchi dal titolo “L’amore salverà il mondo”; ha lavorato anche per il cinema e la fiction accanto ad attori quali Sergio Castellitto in “ Il regista di matrimoni”.

Giorgio Lupo è stato impegnato, nel corso delle ultime settimane, in una serie di incontri e iniziative che hanno coinvolto le istituzioni scolastiche e i luoghi della cultura  di Termini Imerese e che hanno preso spunto dal suo fortunato racconto per alcuni approfondimenti sulle tecniche di scrittura creativa.

Di particolare rilievo, l’evento tenutosi presso la Biblioteca Liciniana di Termini Imerese in occasione della campagna nazionale “Il Maggio dei Libri” , nell’ambito del quale, utilizzando proprio “A mala corda” , è stato affrontato il tema della necessità della rigorosa ricostruzione storica in ambito letterario.

L’evento dell’ 8 giugno, patrocinato, tra gli altri, dal Rotary Club, ripropone la sinergia con “Pittamuri” e “Tocca a tia”, già sperimentata con successo in occasione della presentazione del libro di Vizzini.

“Pittamuri” è un’aggregazione informale di artisti siciliani e locali, concretizzatasi attraverso l’idea di un percorso narrato a colori, con la street art e le espressioni cromatiche ad essa legate.

Un modo per riappropriarsi degli spazi urbani veicolando messaggi di legalità e rispetto dell’ambiente, attraverso il coinvolgimento della cittadinanza, risvegliando così il senso dell’appartenenza e l’opportunità di fare rete anche con gli artisti locali : i murales che hanno abbellito un pezzo dell’area portuale di Termini Imerese ne sono un esempio.

“Tocca a tia” è il nome del progetto sociale e decorativo di riqualificazione territoriale all’insegna della bellezza e dell’arte espressa in tutte le sue forme.

Previste una mostra di opere e un’estemporanea di pittura in linea con i temi previsti dal racconto di Lupo.