Inizia domani (venerdì 8 febbraio) il secondo ciclo di lezioni all’Università Popolare di Termini Imerese. Le lezioni si svolgeranno in via Garibaldi n. 33, avranno durata di un’ora ciascuna con inizio alle 15,30 e conclusione alle 19,30, secondo il seguente calendario:

  • dalle 15,30 alle 16,30 si parlerà di “Architettura tardo barocca nella Sicilia occidentale: Palermo nel Settecento”
  • dalle 16,30 alle 17,30 si discuterà su “Sistemi medici occidentali ed orientali: un inquadramento”
  • dalle 17,30 alle 18,30 la lezione riguarderà “Canna da zucchero e riso nella fascia costiera tra L’Imera settentrionale e la fiumara di Pollina”
  • dalle 18,30 alle 19,30 verrà affrontato l’argomento “Le ville di Palermo: profilo storico, artistico ed architettonico”.

Sono, infatti, quattro i percorsi di studio attivati: “Architettura barocca in Sicilia”, che avrà come docente Armando Antista; “Le medicine tradizionali”, corso tenuto da Giovanni Iannuzzo; “Aspetti di storia economica del comprensorio Cefalù – Madonie in età moderna”, affidato a Rosario Termotto e “Le ville di Palermo”, con le lezioni di Fabrizio Giuffrè.

Le lezioni saranno precedute dall’intervento del presidente dell’Università Popolare di Termini Imerese Alfonso Lo Cascio.

Per iscriversi ai corsi non è richiesto alcun titolo di studio e non sono previsti limiti di età. Per informazioni tel. 091.8112571 – 346.8241076 – Email: segreteria@unipoti.it.

L’UNIPOTI (Università Popolare Termini Imerese) nasce lo scorso dicembre come luogo di formazione continua e permanente di giovani, adulti e anziani e pone al centro delle proprie attività lo studio, la ricerca, il confronto, il dibattito, l’aggiornamento culturale, per recuperare, come nelle antiche Universitas, il vero significato della cultura, intesa come confronto personale, creazione partecipata e patrimonio collettivo: una comunità costruita intorno al valore della condivisione della conoscenza.

L’associazione è aperta a tutte le correnti di pensiero, al di fuori di pregiudizi e preconcetti.