“Le zone montane della Sicilia si spopolano con una progressività preoccupante e, ciononostante, la politica, – molto spesso, soprattutto in passato – si è mostrata indifferente al grido di allarme della gente del posto. I cittadini resilienti, che hanno scelto coraggiosamente di continuare a vivere sulle montagne siciliane, chiedono un intervento urgente, un aiuto fiscale che possa attrarre uomini e capitali per non far scomparire le loro piccole comunità di appartenenza”. È l’accorato appello rivolto dai rappresentanti del Comitato regionale per l’Istituzione delle Zone Franche Montane e dei sindaci dei 132 Comuni montani dell’Isola al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Chiedono il varo di una norma – spiegano – che possa istituire le Zone Franche Montane,un provvedimento utile a bloccare questa tragedia sociale che ci impedisce di guardare al futuro con speranza. Il Comitato di concerto con gli amministratori locali interessati confidano nella pronta emanazione di una Legge obiettivo – da incorniciare all’interno di provvedimenti statutariamente previsti – che possa rappresentare un primo concreto segnale politico tranquillizzante, nell’attesa di una copertura finanziaria che necessita di tempi più lunghi”.

“A Lei, signor Presidente, i siciliani che vivono sulle montagne dell’Isola – conclude la nota – chiedono di esortare gli organi istituzionali preposti al varo della norma sulle Zone Franche Montane”.

Clicca QUI per consultare la lettera inviata al Presidente Mattarella

Le aree interne della Sicilia perdono opportunità da:

Giorni
1
6
7
1
Ore
1
8
Minuti
0
5
Secondi
3
9