Dopo la diffida e la sospensione per un periodo di 45 giorni inviata dalla Regione a Ecox, a seguito della bocciatura dell’Arpa per condizioni di forte criticità e inadempienze nella gestione delle attività, arriva adesso per l’impianto di compostaggio in contrada Canne Mosche, a Termini Imerese, il sequestro.
Lo fa sapere il deputato regionale del M5S Luigi Sunseri, da tempo impegnato, facendosi portavoce dei cittadini del posto, in una battaglia per la chiusura dell’impianto.

Luigi Sunseri

«Il sequestro giudiziario di Ecox ai sensi dell’art. 321 del codice di procedura penale è l’ennesima conferma che quanto denunciavamo era assolutamente fondato», dichiara il deputato.

«Ci auguriamo – aggiunge – che ciò possa essere la pietra tombale su un impianto che non abbiamo mai voluto nel nostro territorio. Un territorio che ha subito fin troppo da un punto di vista ambientale. Adesso faremo in modo e vigileremo affinché i rifiuti stoccati all’interno della struttura possano essere smaltiti nel modo più consono e veloce possibile».

«Adesso – conclude Sunseri – lavoriamo affinché non succeda mai più. Termini Imerese e il suo territorio meritano ben altro».

 

Foto d’archivio