Il ricordo della professoressa Pina Oddo si fa vivo anche sui social. Da Facebook raccogliamo il pensiero di una sua ex alunna, Matilde La Placa, che, a nome della classe, ricorda la docente ed in particolare una dolce quanto indelebile esperienza vissuta insieme alla classe.

«Ci sono momenti in cui ti rendi davvero conto che certi ricordi restano solo dolci ricordi e quel bel tempo che hai vissuto non potrà più tornare. Allora, vorresti un po’ riprendere qualcosa che c’è fra i tuoi flash e rivivere, ancora per un po’, qualcosa che sarà unico e irripetibile». Così inizia il pensiero che Matilde lascia sulla bacheca del suo profilo di Facebook.

«Cara prof.  – continua – tanta tristezza e nessuna parola in questo caso. Solo il rispettoso silenzio per una perdita così grande ed incolmabile». E le riaffiora alla mente un ricordo che, dice, porterà «sempre con dolcezza e nostalgia». Il ricordo del «giorno in cui la professoressa Oddo portò tutta la classe a casa sua a preparare una torta francese all’arancia, seguendo gli ingredienti ed il procedimento scritti in lingua con la ricetta del nostro libro. Quanto divertimento e quanta gentilezza, cordialità verso noi alunni. Ci siamo sentiti tanti figli. Tutti intenti a preparare un dolce con una mamma che ci ha dimostrato affetto. Quanti anni sono passati da allora». Un ricordo tanto nitido che le sembra fosse accaduto il giorno prima.

«E poi le letture in classe – ricorda ancora -, gli esercizi di pronunzia e Salvatore con quel dialogo indimenticabile “Gaelle, Gaelle!!”. Quante risate». Un rapporto, quello tra docente ed alunni che «è qualcosa di unico che resta per sempre – dice poi con fermezza -. Arrivederci prof. Grazie. Quei ricordi resteranno vivi per noi così come lei».

Infine un impegno. «Alla celebrazione cercheremo di esserci nonostante il maltempo. Il segno dell’affetto e del ricordo che non muore è reso visibile da una composizione floreale firmata col nome di noi ex alunni».

 

Leggi anche:

 

Pina Oddo, docente di grande spessore strappata alla vita prematuramente