Una lettera inviata a tutti i dirigenti scolastici della Città Metropolitana di Palermo per promuovere, non solo il ricordo, ma soprattutto la conoscenza dell’esperienza e della testimonianza di Piersanti Mattarella fra gli studenti e le studentesse.

Il sindaco Leoluca Orlando

È l’iniziativa del sindaco Leoluca Orlando, in vista del 40° anniversario della barbara uccisione dell’allora Presidente della Regione, avvenuta il 6 gennaio del 1980.

«Commemorare Piersanti Mattarella – dichiara Leoluca Orlando – non può che essere momento di conoscenza e memoria di quella straordinaria esperienza amministrativa e personale. Per questo il Comune, oltre ad iniziative specifiche fra cui l’intitolazione di un importante spazio pubblico cittadino, desidera che le scuole siano parte attiva di tutte le iniziative di commemorazione».

Di seguito il testo della missiva inviata ai dirigenti scolastici.

 


Il prossimo 6 gennaio ricorrerà il 40° anniversario della morte di Piersanti Mattarella, allora Presidente della Regione Siciliana.

Egli fu vittima degli interessi intrecciati della mafia e di un sistema politico-affaristico che erano stati fortemente indeboliti dalla sua attività politica e amministrativa.

Anche grazie anche alla volontà e capacità di coinvolgere e far dialogare culture e sensibilità politiche diverse, il Presidente Piersanti Mattarella aveva infatti promosso e realizzato importanti riforme che miravano a costruire in Sicilia una comunità più giusta, solidale, rispettosa del territorio, della legalità e dei diritti.

Fra questi provvedimenti spiccano certamente i primi interventi di programmazione della spesa regionale sulla base di piani pluriennali e con il coinvolgimento di esperti e tecnici indipendenti dalla politica; gli interventi per il rafforzamento delle politiche sociali per i più deboli col sostegno agli asili nido e ai consultori familiari; le nuove norme di tutela del territorio contro la speculazione edilizia; il rafforzamento ed il sostegno al ruolo dei Comuni come enti pubblici vicini ai cittadini; la creazione di una normativa sugli appalti pubblici che favorisse la trasparenza e l’imparzialità contro ogni forma di corruzione ed infiltrazione mafiosa.

Proprio per l’importanza ed il peso che quella esperienza amministrativa e la sua tragica conclusione ebbero per la storia della Sicilia e dell’Italia, accanto a specifiche iniziative che l’Amministrazione comunale sta organizzando per commemorarne il sacrificio, si ritiene particolarmente importante che l’anniversario trovi adeguati momenti di celebrazione legati alla storia della Sicilia e del movimento antimafia, con particolare riferimento alla figura di Piersanti Mattarella ed alla sua “politica delle carte in regola”.

Sono certo coglierà l’importanza di promuovere non solo il ricordo, ma soprattutto la conoscenza dell’esperienza e della testimonianza di Piersanti Mattarella fra gli studenti e le studentesse del Suo Istituto.

Vorrei quindi invitare la vostra scuola a farci conoscere quali iniziative intenda organizzare in tal senso.

In condivisione di impegno , invio i più cordiali saluti.

Leoluca Orlando