Piano Battaglia, secondo un utente di Facebook – Dada Riumpa No Muos – “È l’unica stazione sciistica al mondo dove la neve porta solo problemi e allerte”.
Basterebbe questo “cinguettio” per chiudere il discorso e portarsi in quel di Cefalù per una frizzante passeggiata sul lungo mare.
Invece siamo costretti, nella speranza che fin dalle prossime ore questa paradossale situazione cessi e Piano Battaglia diventi una meta, piuttosto che un miraggio.

Stamattina decine di auto ferme, che intasavano la circolazione, in quanto prive di catene o pneumatici da neve (così come peraltro prescritto dal codice della strada) e con altrettanti automobilisti concentrati a leggere il libretto delle istruzioni. Per il montaggio.

Tutto questo, lato Isnello, nei pressi di bivio Mongerrati. Chiamato il 112, l’operatore ci riferisce che una pattuglia dei Carabinieri si trovava nei pressi di Piano Torre per i controlli del caso e dare il “via libera” alle macchine provviste da catene e pneumatici da neve. Forse sarebbe stato più prudente e proficuo, anticipare di qualche chilometro i controlli.

Stessa cosa sulla Sp 54, lato Petralia Sottana, sempre in direzione di Piano Battaglia. Via libera solo alle auto “sicure”, stop ai pullman, pieni di gitanti, in quanto si procede su una corsia, secondo quanto ci riferisce l’operatore del 112 di Petralia Sottana.

Ci risulta che la società che gestisce gli impianti di risalita, ancora chiusi per degli imbarazzanti motivi burocratici, ieri (sabato 12 gennaio) abbia chiesto agli Uffici della Città Metropolitana di Palermo, proprietaria della strada, di intervenire nel corso della notte, dalle 23:00 alle 7:00.  Pare che la risposta sia stata negativa in quanto non ci sarebbe stato bisogno di un ulteriore intervento.
Intanto la Protezione Civile dell’ex Provincia avrebbe chiesto formalmente aiuto agli Uffici della Viabilità provinciale che a sua volta avrebbe chiesto aiuto ai colleghi del piano di sopra.

Tuttavia, ieri (12 gennaio) l’Anas, scesa in campo ancora una volta in soccorso della Città Metropolitana aveva garantito “transitabilità in sicurezza sulla viabilità provinciale e la possibilità di usufruire – oggi, ndr – degli impianti sciistici della zona”.

Ed il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che fa? Manda la pubblicità: “Gli impianti da sci a Piano Battaglia (Madonie), nel Palermitano, possono riprendere regolarmente a funzionare (….) Piano Battaglia deve rappresentare il volano di crescita del settore ricettivo-turistico delle Madonie e l’auspicio è che tutti i soggetti coinvolti possano collaborare maggiormente per una crescita tangibile”.

Arrivederci, un giorno – forse – sul Monte Mufara, via Piano Battaglia.

 

13 gennaio 2019, ore 10:00
Nei pressi di Bivio Mongerrati
in direzione Piano Battaglia

 

Leggi anche:

Piano Battaglia: strade libere e (quasi) sicure, impianti di risalita chiusi. Tutti aspettano la stagione estiva