Un giovane di 22 anni è stato salvato grazie al tempestivo intervento della polizia municipale che, accorgendosi dello stato di estrema urgenza in cui si trovavano dei passeggeri di un’auto imbottigliata nel traffico, è riuscita a farsi spazio e giungere in sette minuti all’ospedale più vicino.

I fatti risalgono a venerdì mattina, quando una pattuglia della polizia municipale, in corso Re Ruggero, vicino piazza Indipendenza, è stata affiancata da una Smart condotta da una donna, imbottigliata nella morsa del traffico, il cui passeggero, in evidente stato di agitazione, aveva in braccio un ragazzo di giovane età, semi svestito ed incosciente.

Gli agenti constatato il viso cianotico e la fuoriuscita di bava schiumosa dalla bocca, lo hanno trasbordato a bordo dell’auto di servizio, partendo a sirena spiegata verso il pronto soccorso dell’ospedale Civico, dove vi sono giunti sette minuti dopo. I medici hanno riscontrato il ragazzo in arresto respiratorio. La corsa contro il tempo per i soccorsi e la professionalità dei sanitari è stata decisiva: secondo i medici qualche minuto ancora e ne sarebbe conseguito l’arresto cardiaco ed il conseguente decesso.