Mercurio: è il dio che trasporta messaggi, è il pianeta i cui crateri hanno nomi d’artisti, è il metallo liquido dalle particelle che si fondono. E in più, Mercurio è il festival che dal 24 al 29 settembre va in scena ai Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo.

Si tratta di una prima edizione, curata dell’associazione Babel e da Spazio Franco sostenuto da Fondazione Unipolis quale vincitore del Bando Culturability ’18 e dall’Assessorato alle Culture e alla Partecipazione Democratica.

Un esperimento di multidisciplinarità e fluidità tra le arti, destinato a crescere e a modificare l’idea consolidata di festival. Ma non solo: è anche una riflessione sul ruolo degli artisti nelle direzioni (artistiche) da prendere, laddove per direzione s’intende un processo in evoluzione.

Il Mercurio Festival è nato così: gli Artisti di Babel hanno invitato diversi artisti di diverse discipline.

Dal teatro alla danza, dalla musica alle performing arts, alle arti visive, cinema, fotografia, per un festival senza sezioni o categorie, puntando su progetti che travalicano le arti di riferimento.

Non si sono però scelti i progetti o le Opere ma, rivolgendosi direttamente agli Artisti e ai loro percorsi, si è dato vita a un confronto per scegliere insieme “cosa” realizzare e con che cosa arrivare a/su Mercurio. Per la prima volta, quindi, il Festival ha dato agli artisti stessi la possibilità d’intervento.

Questo accadrà anche in futuro: gli artisti coinvolti nell’edizione 2019, sceglieranno gli artisti da inserire in programma nel 2020, sempre a partire dal confronto, dalla condivisione di percorsi e dalla stima tra colleghi.

Il festival si apre il 24 settembre alle ore 21 con la coppia Carullo-Minasi e la sua “Conferenza
Tragicheffimera” al Cre.Zi.Plus: un discorso sull’anima, su come ritrovarla; un discorso intorno ai temi
dell’uomo, dell’artista e dell’arte, di quell’arte che prescinde da ogni inganno e che, per sua natura effimera, legittima ogni piega della vita.

Il 25 settembre alle 21, allo Spazio Franco, va in scena il gruppo veneto Babilonia Teatri con “Calcinculo” uno spettacolo in cui musica e teatro si contaminano e dialogano in modo incessante e vertiginoso.

A seguire Haus Der Kunst ospita la straordinaria sessione di Bookjockey del collettivo di
Madrid In-Sonora, in collaborazione con il festival spagnolo Fiebre Photobook. L’esperimento combina l’immaginario visivo e sonoro di un gruppo di artisti sperimentali in una sorta di dj session in cui vengono “sfogliati” libri di fotografia e associati alla musica.

Il 25 e il 26 settembre Mercurio incrocia Lo stato dell’arte, un progetto di C.RE.S.CO. – Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea – che vuole far dialogare tra loro le voci più significative della creazione contemporanea italiana negli ambiti del teatro e della danza.

Giunto alla seconda annualità, il progetto rende possibile l’incontro tra artisti, critici e curatori nel momento della creazione invitandoli a condividere i processi in fieri, cioè tutto quell’insieme di idee, pensieri, visioni che permettono il passaggio dall’idea all’opera.

A Palermo parteciperanno le compagnie Abbonzanza-Bertoni, Carullo-Minasi, il Maestro cuntista e puparo Mimmo Cuticchio e il performer Marco D’Agostin insieme al critico teatrale Alessandro Toppi (Il Pickwick, la Repubblica) e all’organizzatore culturale Corrado Russo.

L’incontro pubblico è fissato per mercoledì 26 dalle 18.00 al Cre.Zi.Plus. Nello stesso giorno al Cinema De Seta alle ore 20:30, verrà proiettato il film-documentario Beautiful Things del compositore e fotografo Giorgio Ferrero, co-diretto con il direttore della fotografia e produttore Federico Biasin.

Viaggio sinfonico nell’ossessione del consumismo contemporaneo, il film è stato presentato alla 74ma Mostra del Cinema di Venezia e arriva a Palermo dopo aver ricevuto riconoscimenti in oltre 70 festival in tutti i continenti tra i quali il nostrano Salina Doc Fest 2018.

Alle 22:00 allo Spazio Franco va in scena First Love di Marco D’Agostin, Premio Ubu 2018 come miglior performer: un assolo di danza contemporanea poetico e intimamente autobiografico che ha entusiasmato la critica italiana e sta andando in scena su moltissimi palcoscenici della penisola.

Turi Zinna e Ippolito Chiarello sono i protagonisti degli appuntamenti del 27 settembre. Il primo sarà in scena allo Spazio Franco, alle ore 21:00, con lo spettacolo Il Muro: con questa “Cronachetta drammatronica di una civile apartheid” l’orazione di Turi Zinna, prodotta dalla compagnia catanese Retablo, affronta il tema iper-contemporaneo del muro come divisione attraverso un racconto popolare al centro del quale pone l’antieroe Gioacchino il barbiere.

Alle 22:00 Ippolito Chiarello sarà al Cre.Zi.Plus con Club 27, nei panni di un dj-speaker-narratore notturno che riporta in vita i miti del club 27 composto da quegli artisti della musica internazionale scomparsi a 27 anni: Jim Morrison, Janis Joplin, Jimy Hendrix, Amy Whinehouse.

Attraverso la loro musica, le parole, le suggestioni di una notte molto rock, senza tempo e senza spazio, in cui protagonista è il teatro e il suo pubblico, in una sorta di viaggio onirico.

“Farsi Silenzio” è una performance con Marco Cacciola. La cui drammaturgia è firmata dal talento siciliano di Tindaro Granata, che sarà in scena al Cre.Zi.Plus venerdì 28 settembre alle ore 21:00.

Seguirà alle 22:00 “Esco, sto tornando” di Andrea Masu, componente del collettivo milanese Alterazioni Video noti al pubblico per il progetto dell’Incompiuto Siciliano.

Alle 23:00 nella Piazza Bausch avrà luogo Effimera, uno spettacolo di realtà aumentata fatto di luci, suoni e video-mapping dei visual artists Pixel Shapes. Collaborerà 1999, noto cantautore palermitano.

Chiudono il festival, domenica 29 settembre, La Rappresentante di Lista, band rivelazione della scena musicale italiana. Portano in scena il loro progetto speciale Anatomia Fantastica, da Jodorowsky. A seguire la performance Figura Humana di Paolo Simioni presso il Centro Internazionale di Fotografia diretto da Letizia Battaglia.

Mercurio è inoltre attento alla formazione. Mentori di fama nazionale e internazionale saranno impegnati in workshop, masterclass e seminari destinati a professionisti del cinema, della danza e del teatro.

Dal 24 al 28 settembre Paolo Antonio Simioni, tra i migliori acting coach del panorama europeo, terrà un seminario per attori e registi promosso da Artisti 7607.

Il 24 e il 25 settembre la compagnia Abbondanza-Bertoni condurrà un workshop per danzatori e performer dal titolo L’Essere Scenico.

Il 27 settembre la Masterclass intensiva di Giorgio Ferrero aprirà agli aspiranti registi. Film-maker e sound-designer, esplora la scoperta del cinema contemporaneo nel suo rapporto con la musica. Il 28 settembre Giorgio Canali (ex CCCP) terrà un workshop di composizione e produzione discografica.