Incidenti sul lavoro, gravi e mortali, in aumento in Sicilia e a Palermo. Un trend che segue la stessa linea d’onda di quello registrato a livello nazionale, con 3.180 morti nell’ultimo triennio, contro i 1.018 nel 2016, 1.029 nel 2017 e 1.133 nel 2018.
È quanto emerge dalle ultime rilevazioni statistiche fatte dall’Inail, l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro.

Stando ai dati Inail, in Sicilia, nel solo mese di settembre 2019, sono state registrate 2.020 denunce d’infortunio, mentre nello stesso periodo del 2018 erano state 1.857. A Palermo si è passati dalle 402 registrate nel settembre dell’anno scorso alle 478 di quest’anno, nello stesso periodo.

Impennata in Sicilia, anche per quanto riguarda i casi mortali: dai 49 del periodo gennaio-settembre 2018, si è passati ai 56 registrati nello stesso periodo del 2019, mentre a Palermo i caduti sul lavoro tra gennaio e settembre di quest’anno sono stati 17, contro i 13 nello stesso periodo del 2018.

Le cose non vanno meglio sul fronte delle malattie professionali: sul territorio regionale, infatti, si è passati dalle 1.123 denunce del periodo gennaio-settembre 2018 alle 1.193 nello stesso periodo di quest’anno, mentre a Palermo i casi di malattia professionale sono pari a 195 per il periodo gennaio-settembre 2019, contro i 155 nel medesimo periodo del 2018.

A tal proposito, il presidente del comitato consultivo provinciale dell’Inail, Michelangelo Ingrassia, fa sapere  che è stata appena approvata «una mozione a sostegno delle iniziative intraprese dal Consiglio di indirizzo e vigilanza per il riconoscimento dell’autonomia finanziaria dell’Inail, affinché l’Istituto possa disporre dei propri avanzi di bilancio per finanziare nuove o maggiori attività; auspichiamo – conclude Ingrassia – che l’istituenda Commissione d’inchiesta sulla sicurezza nei luoghi di lavoro cominci da qui».

Solo qualche giorno fa, in una fabbrica nell’area industriale di Tremini Imerese, un giovane operaio ha perso una falange di un dito della mano mentre stava lavorando.