Nadia Spallitta è tra i candidati alle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. Da sempre impegnata nella difesa dell’ambiente, in particolare, ci riferisce, punterà la sua operosità parlamentare proprio sulle energie rinnovabili e sui  cambiamenti climatici, anche in considerazione all’impegno assunto in questi anni insieme al partito dei Verdi.

Oggi (martedì 14 maggio) dalle ore 14:00 sarà ospite de #ilgiornalaio, nel corso della diretta web Spallitta esporrà il suo punto di vista, quindi anticiperà le priorità della sua azione parlamentare.

Oltre alla tutela dell’ambiente, punterà le sue iniziative su occupazione e diritto al lavoro, economia e  giustizia fiscale, alla migrazione e ai diritti umani di ogni individuo e in particolare delle donne e delle classi più svantaggiate.

Per seguire la diretta collegatevi a: madonienotizie.itwebTv di MadonieNotizie.it,  Facebook e Twitter.

 

Chi è Nadia Spallitta

Avvocato cassazionista è nata ad Agrigento dove ha conseguito il diploma di maturità classica con il voto di 60/60 ed è laureata in Giurisprudenza presso l’Università di Palermo con 110/110  e la lode, discutendo una  tesi in Diritto Processuale Penale.

Sin dall’inizio del suo percorso professionale ha svolto numerose attività sul territorio, a contatto con i cittadini e le istituzioni.

Dopo i primi incarichi presso il Comune di Palermo e la Regione Siciliana, si è occupata ed ha redatto appositi studi su “Tutela dei beni monumentali” e “Debiti fuori bilancio”; “Ambito ed operatività della L.16/92 in materia di normativa antimafia” ed ha collaborato alla redazione dello schema di statuto comunale.

Ha svolto attività di consulenza per alcuni comuni della Provincia di Palermo  (Godrano; Capaci, Ustica, Torretta etc), per la Riserva Marina di Ustica, per il Comune di Palermo redigendo, tra l’altro, il Progetto Urban, per la Provincia Regionale di Palermo per questioni riguardanti l’acquisizione di finanziamenti comunitari, ed inoltre in materia urbanistica, di appalti  pubblici.

Ha avviato per conto del Comune di Palermo, nell’ambito del diritto comunitario, i rapporti con la comunità europea ed ha attivato le procedure necessarie per l’accesso ai finanziamento comunitari, partecipando a convegni a Bruxelles ed a Roma. Ha redatto il “Programma Urban”, presentato a Roma presso il Dipartimento delle politiche comunitarie, e a Bruxelles. Lo stesso programma è stato selezionato, tra altri 50 progetti nazionali, ed  ammesso a finanziamento statale e comunitario.

Nel 1997 ha collaborato  quale consulente del Sindaco,  per le questioni amministrative, alla redazione del programma di riqualificazione urbana presentato dal Comune di Palermo, nel 1999 è stata nominata consulente del Sindaco di Palermo per l’attuazione del Programma Terra della città di Palermo ammesso a finanziamento dall’Unione Europea e per le questioni connesse con la normativa urbanistica e l’attuazione da parte degli Enti Locali e dal 2007, nella qualità di consigliere comunale e componente della commissione urbanistica del Comune di Palermo, ha promosso l’utilizzo delle risorse europee.

Nel  1999  è stata nominata consulente del Sindaco di Palermo per la redazione e  l’attuazione di taluni programmi comunitari.

Dal 2001 ha svolto attività di assistenza legale e di consulenza gratuita per le associazioni ambientaliste “legambiente” e  “Wwf”,  promuovendo le azioni processuali  necessarie per la tutela del territorio e dell’ambiente (per la salvaguardia del bosco di “Ficuzza”,  per la salvaguardia di aree di verde agricolo cittadino e per la tutela degli ambiti portuali cittadini)  e conseguendo i relativi  obiettivi.

Nel 2007 è stata eletta consigliere comunale della città di Palermo componente della commissione urbanistica e da allora ha intensificato il suo impegno nelle questioni riguardanti il territorio.

Dal 2009 ha è stata nominata Presidente della Commissione urbanistica; ha conseguito il titolo di Avvocato  Cassazionista ed ha ricevuto un’onorificenza  per il suo impegno nel settore  sociale e per l’azione svolta a tutela delle minoranze e degli immigrati.

Da allora organizza e partecipa come relatrice a diversi convegni, incontri, dibattiti su questioni connesse con l’istruzione pubblica, con  il bilancio e le misure di contabilità degli enti locali, con l’assetto dell’ambiente e del territorio ed interviene su  periodici anche nazionali ed a numerose trasmissioni televisive o radiofoniche relazionando prevalentemente, su questioni urbane, territoriali ed ambientale, sociali e della pubblica istruzione e dei beni confiscati alla mafia e sul “ruolo delle donne  nella politica”;

Promuove sistematici incontri, anche istituzionali, con le associazioni di categoria, con le associazioni di tutela dell’ambiente e con l’università per  la discussione e l’analisi di provvedimenti comunali connessi i con la pianificazione urbanistica, con il PUT, con il PRP del Porto, con il PEEP, con i PRUSST, con le linee guida per il centro storico, e con i diversi strumenti di pianificazione territoriale  avviando, anche in commissione urbanistica, il metodo partecipato e della concertazione.

Ha partecipato a Bruxelles a varie iniziative inerenti la concessione di fondi comunitari ed ha redatto alcuni progetti comunitari trasmessi alla comunità europea per il finanziamento, fra cui  il Progetto LIFE finanziato dalla Comunità Europea riguardante lo svolgimento di interventi di sperimentazione e di riqualificazione ambientale e di gestione dei parchi urbani.

Nel corso degli anni ha pubblicato vari studi su riviste ed alcuni volumi fra cui “I diritti del cittadino e la trasparenza amministrativa”, articoli e studi relativi a problematiche di interesse degli Enti Locali e per la tutela dell’ambiente e del territorio e articoli su riviste e giornali on line connessi con la sua attività di Presidente della Commissione urbanistica e di Consigliere comunale.