Capita, talvolta, che talune espressioni e certi termini vengano utilizzati per denigrare o offendere il destinatario.
Una sorta di diminutio volta a ridimensionare ruoli, capacità, qualità.
Capita pure, talvolta, che l’espressione utilizzata, invece di demoralizzare il soggetto al quale viene attribuita, gli fornisca nuovi spunti di riflessione e azione. del resto è proprio vero che non tutti i mali vengono per nuocere!

È quanto accaduto al sottoscritto, al quale certuni hanno pensato di affibbiare il nomignolo di “giornalaio”.  Al netto del fatto che il mestiere di edicolante è nobile – la prima cellula del sapere sono proprio le edicole – a me il termine giornalaio piace, perché evoca da un lato, le suggestioni degli “strilloni” alle prese con le vendite dei quotidiani e, dall’altro, un modo popolare di fare informazione.

Si badi bene: «popolare è tutto il contrario di sciatto – l’ha ribadito Marianna La Barbera, direttore responsabile di questa testata, nell’incoraggiare la redazione a portare avanti questo progetto –  lasciato al caso, indefinito».

«Popolare è sinonimo di trasversale – ha continuato il direttore – penetrante, incisivo, semmai».

E allora, che fare, con buona pace di tutte le possibili definizioni? Utilizzare il delizioso termine – #ilgiornalaio – per farci una rubrica mi è parsa una buona idea: un piccolo spazio di democrazia, in diretta web,  dal quale esprimere critiche, dissenso, approvazione e fornire contributi di idee.

Una trasmissione a tutti gli effetti che può diventare interattiva semplicemente intervenendo – #dilloamadonienotizie – in diretta inviando un whatsapp al 348.5586637.

La prima diretta in streaming è programmata per giovedì 17 gennaio. I primi ospiti in studio saranno Pino Lo Verde e Rosario Bonfiglio, sindaco e presidente della Pro loco di Polizzi Generosa.

Buona visione.

Leggi anche:

#ILGIORNALAIO, diretta streaming: in studio il sindaco ed il presidente della Proloco di Polizzi Generosa