Il mese di marzo è dedicato al riciclo e al riuso di carta e cartone grazie a Comieco, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli imballaggi a base Cellulosica.

La campagna nazionale, in collaborazione con Federazione della carta e della grafica, Assocarta, Assografici e Unirima e con il patrocinio di Anci, di Progetto Economia Circolare di Confindustria, Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, arriva anche in Sicilia.

In programma una serie di iniziative rivolte a tutti: cittadini, scuole, media, istituzioni, associazioni e aziende. Obiettivo, far conoscere l’importanza della raccolta differenziata e il ruolo della carta come esempio emblematico di circolarità.

Le iniziative risponderanno a diverse domande: per esempio, siamo veramente consapevoli del valore di un gesto semplice come la raccolta differenziata? Che fine fanno la carta e il cartone che separiamo dagli altri rifiuti? Quali sono i passaggi che portano uno scarto a trasformarsi in un prodotto completamente nuovo?

Nel corso degli eventi promossi da Comieco particolare attenzione sarà dedicata alla qualità della raccolta differenziata di carta e cartone, fattore rilevante per rendere ancora più efficiente il ciclo del riciclo, e agli errori da evitare quando si conferiscono i rifiuti.

Tutti temi a cui è possibile avvicinarsi in maniera divertente e interattiva grazie al Palacomieco, la struttura itinerante che toccherà quattro città siciliane: Gela (14-17 marzo), Siracusa (21-24 marzo), Acireale (28-31 marzo) e Alcamo (4-7 aprile). Dal 27 al 29 marzo apriranno poi le porte al pubblico gli impianti della filiera del riciclo di carta e cartone.

Quest’ultima sarà un’occasione per assistere dal vivo alle varie fasi del processo industriale che porta lo scarto a trasformarsi in nuova materia prima. In Sicilia sono 16 gli impianti che quest’anno aderiscono a Riciclo Aperto.

Tra le oltre 25 iniziative attive sul territorio siciliano per il mese del riciclo di carta e cartone si segnala anche il programma di educazione ambientale “Differenziamoci”, promosso dalla Regione Siciliana, che coinvolge tutte le nove provincie della regione, oltre 5000 alunni, 5000 famiglie e 500 docenti.

Il mese del riciclo di carta e cartone è anche l’occasione per tracciare un quadro complessivo della raccolta in Sicilia. Una regione che continua a crescere per quantità di materiale recuperato – nel 2018 il dato pro capite si è attestato intorno ai 24 chilogrammi di carta e cartone per abitante – e che rappresenta un autentico traino per lo sviluppo della raccolta nel Sud Italia.

«Quella siciliana è la regione più promettente, quella che può in breve tempo dare un importante contributo alla crescita complessiva del Mezzogiorno in termini di raccolta differenziata di carta e cartone – dice Amelio Cecchini, presidente di Comieco – basti pensare che nel 2018 sono state raccolte in convenzione ben 120 mila tonnellate. I margini di miglioramento sono ancora ampi».

La Regione, d’altronde, è attivamente impegnata nella raccolta differenziata e nell’impiantistica di supporto, in particolare sul recupero e il riciclaggio, come ricorda l’assessore regionale all’Energia e ai servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon.