L’acqua a Gangi continua non essere potabile dallo scorso 7 dicembre.

Un gruppo di cittadini ha deciso pertanto di riunirsi domani presso la locale Camera del lavoro per verificare la possibilità di promuovere la partecipazione dei cittadini alla problematica attraverso la costituzione di un comitato.

«Appare evidente che le problematiche che rendono l’acqua non potabile

non può più essere classificata come un fatto occasionale di emergenza, – affermano gli organizzatori – per questo occorre mettere in campo al più presto le soluzioni tecniche che pongano fine al ricorrere dell’emergenza».

«Esiste pure il problema dell’informazione

che purtroppo finora, – continuano – fatta eccezione per due comunicati pubblici del Sindaco in cui si spiegava la problematica, risulta purtroppo carente».
Secondo il gruppo di cittadini attivi si sarebbe reso necessario costituire un organismo cittadino, un comitato, che si assuma il compito di vigilare verificare e stimolare l’Amministrazione nel suo compito di porre in essere tutto quanto occorre per porre fine alla emergenza.

Domani, 16 febbraio, dalle ore 18 il gruppo si è autoconvocato

presso la Camera del lavoro, di via Madrice, del Borgo più Bello d’Italia 2014, con all’ordine del giorno le modalità di attuazione di questo comitato, che nelle intenzioni dovrebbe pure allargare successivamente il suo campo di azione ad altre problematiche, a partire dalla viabilità.

 

Leggi anche:

Acqua potabile: a Geraci Siculo tutto nella norma. Ancora “non potabile” l’acqua di Gangi, montano le proteste