“A volte ritornano”, anche a Castellana Sicula. Non si tratta della raccolta dei racconti di Stephen King ma del ritorno nell’amministrazione attiva di Gandolfo Saccomanno, un ex collaboratore di Giuseppe Di Martino.

Saccomanno, a sorpresa, prende il posto di Antonio Lo Verde, che fino al 10 maggio scorso ha gestito i settori della cultura, agricoltura, turismo, programmazione comunitaria e i rapporti con il Consiglio comunale.

Pare che, nei giorni scorsi non siano mancate tensioni  all’interno della maggioranza di “Insieme per Castellana”. Lo Verde non avrebbe voluto lasciare e a seguito delle sue “forzate” dimissioni (conseguenza di un accordo preelettorale con il Partito Democratico locale) su Saccomanno non ci sarebbe stata piena convergenza tra i consiglieri che sostengono l’amministrazione, guidata da Franco Calderaro.

Saccomanno sembrerebbe uscito da un cilindro magico, ma, l’abbiamo da sempre ribadito, non crediamo alle magie. Piuttosto, ci viene da pensare che nel cilindro, in gran segreto e ben nascosto l’abbia adagiato, in piena campagna elettorale, Santo Sabella, esponente della politica castellanese, consigliere personale del sindaco, già presidente del Consiglio Comunale con Giuseppe Di Martino alla guida della comunità castellanese.
Sabella, secondo quanto ci ha riferito Di Martino, da sempre ha sponsorizzato il giovane castellanese, anche quando l’ex sindaco avrebbe voluto congedarlo.

Tuttavia, anche il vice presidente del Consiglio, Francesco Mascellino, che aspirerebbe ad essere annoverato tra i collaboratori di Calderaro, sarebbe ancora in corsa.
La determina del sindaco non lascia dubbi. Secondo una recente norma  (art. 33 Legge Regionale n. 3/2019), fatta propria dal Consiglio comunale, i collaboratori del sindaco dovrebbero essere quattro.
La nomina di Mascellino e la conseguente elezione del vice presidente del civico consesso farebbero abbassare la temperatura al palazzo municipale di Castellana Sicula.

Al neo assessore Saccomanno vanno gli auguri di un proficuo lavoro dalla redazione MadonieNotizie.it-il Caleidoscopio.

(Foto: Facebook)