Avviati con urgenza i lavori di risanamento del giunto di dilatazione sul viadotto Fiumetorto dell’A19 “Palermo-Catania”, il cui danneggiamento ha reso necessaria, nella tarda mattinata di ieri, la chiusura dell’autostrada tra gli svincoli di Termini Imerese e Agglomerato Industriale, in direzione della città etnea.
Interruzione che ha costretto gli automobilisti a uscire, con non pochi disagi, a Termini Imerese, per percorrere un tratto della strada statale 113 Settentrionale Sicula.

Anas prevede di ridare continuità alla circolazione autostradale nel corso della giornata di oggi, 19 novembre, con il ripristino di una porzione di giunto sufficientemente ampia da riaprire al traffico almeno una delle due corsie.

Fino alla riapertura, l’itinerario alternativo è costituito dalla strada statale 113, tra lo svincolo di Termini Imerese e quello di Agglomerato Industriale.

Non è stato possibile istituire il doppio senso di circolazione sulla opposta carreggiata, in quanto nello stesso tratto, in direzione Palermo, è attualmente in corso un intervento di rifacimento del cavalcaferrovia.

Nello Musumeci

Intanto, riguardo alla vicenda, arriva l’affondo del presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci: «La chiusura dell’autostrada Palermo-Catania – dichiara – dà, ancora una volta, ragione a noi che da due anni chiediamo un costante monitoraggio dell’importante arteria».

«A pagare l’inerzia e il menefreghismo dell’azienda di Stato – aggiunge il governatore – sono, come sempre, i cittadini, costretti anche adesso ad affrontare disagi che potrebbero prorogarsi nel tempo. Al ministro delle Infrastrutture chiediamo per la Sicilia l’attenzione che l’Isola merita, al di là dei proclami e delle buone intenzioni».