Nostro fratello che oggi ha 27 anni, da quasi due, lotta contro un linfoma aggressivo che gli ha fatto interrompere gli studi e tutto quello che, potete immaginare, può esserci nella vita di un giovane uomo che si prepara al futuro. Da due anni viviamo una situazione che si è fatta ogni giorno più grave. Il Linfoma di cui soffre ha resistito a più linee di terapia, il che significa che la chemioterapia non ha avuto l’effetto che avremmo sperato”. Lo scrivono le sorelle di Calogero Gliozzo sulla pagina Facebook “Aiutiamo Calogero”.

La vita di Calogero dipenderebbe da una terapia sperimentale non disponibile in Italia e per giunta molto costosa. Si tratta della Car-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell ) e consiste nel prelevare alcune cellule dal paziente, modificarle geneticamente in laboratorio, al fine di conoscere le cellule tumorali, e poi re infuse nel soggetto.
Per Calogero è scattata una gara di solidarietà che ha permesso di raccogliere oltre 480 mila euro,  una parte di questi dati sono  sono aggiornati alle ore 13:30 del 5 febbraio scorso.
Gli amici della famiglia Gliozzo si sono adoperati per attivare un sito di crowfunding, un sistema solidale di finanziamento collettivo, a sostegno delle cure che Calogero si appresta a fare.
A tal proposito la famiglia ha dimostrato grande trasparenza nel rendicontare scrupolosamente la raccolta che “continua a ritmo serrato”, si legge nella pagina.

Sono stati attivati punti di raccolta a Nissoria e nei comuni limitrofi dell’ennese, a Gangi, Castellana Sicula ed in diversi comuni dell’interland madonita.

Si stanno mobilitando Enti, associazioni, privati cittadini, che hanno creato una rete di contatti e di condivisioni che permetteranno a Calogero di avere accesso ad uno dei centri, a livello internazionale, che permetteranno al giovane di avere una speranza.
Le donazioni sono arrivate da tutta Italia e da diverse parti del mondo dove ci sono parenti e amici della famiglia.
Mentre scriviamo il sito GofundMe riporta donazioni per 288.337 euro, qualche minuto fa Cinzia Calcilla ha fatto una donazione di 200 euro. La famiglia Gliozzo riporta dettagliatamente cifre e provenienza delle donazioni al 5 febbraio: la parrocchia di Nissoria segna 24 mila euro, 143 mila euro dal C/C “Calogero”; le parrocchie di Gangi hanno raccolto 13.307,20 euro ed i punti di raccolta dislocati tra Castellana Sicula ed i comuni limitrofi 4.136 euro.
12.572,23 euro la cifra proveniente da canale Pay Pal attivato dal comune di Nissoria,
rilevata pochi minuti fa.
La raccolta a sostegno del 27enne ennese è volata sull’hastag #aiutiamocalogero e la rete anche in questa occasione è stata di fondamentale importanza per la raccolta di quasi mezzo milione di euro.
Tuttavia, le donazioni non sono bastevoli per sostenere la terapia di Calogero, necessitano ancora tante “gocce” ed è possibile contribuire alle cure del giovane in diversi modi ufficiali:
Donazione online attraverso una piattaforma di GofundMeche resta il canale preferenziale e, secondo la famiglia, il più trasparente trasparente.
Bonifico bancario: Iban IT42Y0306911303100000007061 intestato a Calogero Gliozzo. La causale deve riportare una delle due seguenti diciture:
• donazione volontaria per cure mediche Gliozzo Calogero (per bonifico effettuato dal singolo);
• donazione volontaria dall’istituto Tizio/associazione Tizio per cure mediche Gliozzo Calogero (per bonifico effettuato da associazione, istituti, comuni o altri enti)
Bic Swift per bonifici dall’estero
INTESA SAN PAOLO filiale di PAVIA
BCITITMM
Raccolta fisica nei punti che si sono messi a disposizione, ai quali la famiglia chiede di redigere un elenco con nominativo e contatto dei donatori.
Pagamento tramite paypal 
Venerdi 7 febbraio al Palaisola di Gangi i Franima si esibiranno a favore di #aiutiamocalogero, l’incasso della serata, proveniente anche dal bar, oltre che dal ticket d’ingresso, verrà devoluto interamente a favore dell’iniziativa di solidarietà.

Per la famiglia Gliozzo sono ore di attesa e di grande preoccupazione. Attendono che da qualche parte del mondo una struttura sanitaria risponda alle mail di Sandra e Valentina e  prenda in carico il giovane con la passione per la poesia.

Calogero dal canto suo risponde alla grinta delle sorelle come meglio sa fare, con la poesia: “Spero di essere capace di affrontare la vita a testa alta e con coraggio come voi avete fatto e di riuscire a donare tutto il vostro amore incondizionato”.