Arte sacra, luce vera: grazie al contributo di IRFIS-FinSicilia S.p.A. il Museo Civico di Castelbuono ospita la mostra “LUX VERA – Ori e argenti liturgici a Geraci e Castelbuono nei secoli XIV – XVIII”.

L’esposizione, a cura di Angela Sottile e Francesco Sapuppo sarà inaugurata il 20 luglio e resterà visibile fino al 20 ottobre.

“Lux Vera” è realizzata in collaborazione con il Museo Ecclesiastico Santa Maria Maggiore di Geraci Siculo e la Parrocchia della Natività di Maria Vergine di Castelbuono.

Inaugurata, nel periodo della festa di Sant’Anna, patrona di Castelbuono, la mostra rientra anche nel programma culturale che il Museo Civico dedica in occasione delle celebrazioni religiose del 25, 26 e 27 luglio.

Come dice la curatrice della mostra, nel 1937 la storica dell’arte Maria Accascina organizzò la prima mostra di Arte Sacra delle Madonie. Facendolo, mise per la prima volta a confronto opere d’arte e oggetti d’arte “decorativa” come unica espressione di una vitalità creativa che nelle Madonie ha trovato ampia affermazione.

Allo stesso modo, “Lux Vera” mette a confronto la storia di Castelbuono e Geraci, vicini geograficamente e per vissuto storico attraverso la collaborazione tra la principale Istituzione museale castelbuonese e il Museo Ecclesiastico Santa Maria Maggiore di Geraci Siculo.

Le collezioni di Castelbuono e di Geraci per la prima volta si incontrano e si intrecciano in un percorso congiunto arricchito dalle preziose suppellettili della Matrice Nuova di Castelbuono.

Ori, argenti, opere d’arte decorativa che sono preziosa e deliziosa immagine di una fede viva e tangibile e di un’arte raffinata prestata alla devozione in cui la luce è essenza materializzata, manifestazione materica del divino, luogo intangibile dell’Assoluto.