Si chiama “Nessuno tocchi Rosalia – Palermo contro la violenza verso le donne”. Ed è l’appuntamento che sabato 13 luglio dalle ore 18.30 ricorderà che le donne, le ragazze, le bambine ed i bambini devono trovare nei Centri Antiviolenza e nelle case rifugio sostegno e protezione, sempre.

Il pomeriggio sarà incentrato sul ricordo di Elvira Bruno e di Maria Scavo. Due donne che hanno perso la vita per mano del proprio partner ed ex partner nel palermitano. Morti violente. Sono state uccise da mani un tempo amate.

Uccise quando hanno deciso di cambiare la loro vita, di scegliere una vita libera dalla violenza. Le due donne saranno ricordate in piazza insieme alle altre donne uccise nel 2018 da quella violenza che già subivano nella loro vita privata e che ha raggiunto il culmine con l’assassinio.

Delle due donne sappiamo ciò che i giornali hanno narrato. Ciò che è sicuro è che Maria ed Elvira non potranno raccontare la loro versione dei fatti e possiamo solo contare sulla ricostruzione che ne faranno gli inquirenti.

Come Santa Rosalia, secondo la leggenda popolare, fu vittima di “pressioni insistenti” all’interno della sua famiglia per un matrimonio non voluto cui è riuscita a sfuggire con l’eremitaggio, molte donne ogni giorno soffrono violenze e pressioni. Ogni tre giorni una donna viene uccisa.

Sono uccise principalmente per mano dei loro mariti, ex-mariti, padri, fratelli, fidanzati, amanti, sfruttatori. Anche quest’anno saranno disegnate sull’asfalto un numero di sagome corrispondente al numero delle donne assassinate in Italia nel 2018 per femminicidio.

I cittadini e le cittadine sono invitati/e a portare un fiore. L’evento è promosso dal Coordinamento Antiviolenza 21 Luglio e dall’Associazione Le Onde Onlus e conta sul Patrocinio del Comune di Palermo.