“A mala corda”, racconto di Giorgio Lupo insignito del 43° Premio nazionale “Writers Magazine Italia”, la più prestigiosa e autorevole rivista dedicata al mondo della scrittura, diventa un’occasione di confronto tra l’autore e gli alunni della seconda A dell’Istituto Comprensivo “Tisia d’Imera” di Termini Imerese.

Accadrà il 24 maggio presso gli spazi scolastici in via del Mazziere 28, grazie all’impegno dei docenti Angela Longo e Raimondo Pilato, alla guida di un percorso letterario, storico e teatrale che ha coinvolto gli studenti.

Ambientato a Termini Imerese  – luogo dove è nato lo stesso Lupo – il racconto riporta il lettore alle atmosfere del 1860, ai tempi della guerra di conquista dei Mille, di fatto non voluta ma subita dalla popolazione.

In questo contesto, che mette in rilievo i costumi della realtà siciliana dell’epoca, si consuma un dramma familiare che l’autore sceglie di accennare appena, con estrema delicatezza.

I ragazzi si presenteranno all’appuntamento letterario ben preparati: hanno già letto il testo, studiato e analizzato il periodo storico interessato, traendo delle conclusioni che, talvolta, non coincidono con la storiografia ufficiale.

“A mala corda” ha ottenuto un successo strepitoso, che ha varcato i confini isolani. Oltre a essere insignito da “Writers Magazine Italia”, infatti, il racconto ha vinto  il premio nazionale “Racconti tricolore” a cura dell’agenzia letteraria “Scribo”, ricevuto a Treglio (Ch) lo scorso 6 aprile.

Un ulteriore riconoscimento a un talento letterario del quale, ovviamente, Termini Imerese e la Sicilia vanno fiere e che sarà possibile conoscere in modo più approfondito giovedì 30 maggio, in occasione di una puntata della trasmissione “Grandangolare” di Radio Panorama dedicata alla scrittura creativa, insieme a Salvo Belcore dalle 17:00 alle 19:00.

Un momento di informazione che l’autore condividerà con Vincenzo Vizzini, vice- direttore di “Writers Magazine Italia”, curatore della Collana “Delos Crime”, responsabile del corso di scrittura creativa “Lettera 32” che lo stesso Lupo ha frequentato e autore di “Cheope” e “Il re scorpione”  di Fanucci Editore e di svariati racconti pubblicati, tra gli altri, per Gialli Mondadori.