A Campofelice di Roccella un evento, patrocinato dal Comune e organizzato con la collaborazione di cantine e aziende sponsor, per celebrare il centenario del Negroni.
L’appuntamento è per sabato 23 novembre, dalle 18 in poi, in largo Vittorio Emanuele Orlando, di fronte al Municipio. Sarà possibile sorseggiare il famoso cocktail e non solo, come anche degustare i prodotti degli stand dell’angolo food.

In occasione del 100° anniversario, ABI professional (Associazione Barmen Italiani), grazie alla sezione Lombardia, ha creato il Negroni Lab, ideato e condotto da Gianmario Artosi, incoronato barman professionista dell’anno.

Una volta ricevuto il consenso di Gianmario, l’ABI professional Sicilia ha pensato di riproporre l’evento in salsa siciliana, al fine di celebrare il centenario dell’aperitivo italiano per eccellenza e per divulgare la cultura del bere responsabile.

Durante l’evento che si terrà sabato prossimo a Campofelice di Roccella, munendosi di un ticket, l’ABI proporrà ai visitatori quattro twist del Negroni: Negroni Siciliano, Mandranegroni, Negroni Classico e Negroni Oscar.

Notevole spazio sarà poi dato alle cantine sponsor che offriranno una degustazione dei propri prodotti: Volcano Gin, Distilleria Nardini, Giardini D’Amore e Castellucci Miano.

Infine, grande rilievo verrà dato alle realtà commerciali enogastronomiche campofelicesi, anche queste sponsor dell’evento: l’Oscar Cafè metterà a disposizione degli avventori una variegata selezione di ottimi panettoni artigianali, inoltre con il ticket iniziale sarà possibile servirsi presso i due stand dell’angolo food, con i panini con panelle e milza del ristorante “Ron e Salvo” e le specialità della pizzeria “Rewind”.

Sarà adibito anche uno spazio per i più piccoli, a cura di “Madagascar – l’isola dei monelli”, con gonfiabili e musica dal vivo.

«Nonostante la bella stagione sia terminata – dichiara il sindaco del comune madonita, Michela Taravella – miriamo a far sì che Campofelice diventi meta per chi sia alla ricerca di eventi di alta qualità, come quello organizzato in collaborazione con l’ABI, non soltanto nel periodo estivo, ma in quella che è un’ottica di destagionalizzazione e di costante valorizzazione del territorio e delle eccellenze presenti in loco».