La proposta di realizzare almeno due inceneritori in Sicilia è “vergognosa” per Legambiente Sicilia, che si meraviglia, peraltro, di come la questione sia passata senza grande nota da parte anche delle forze politiche. Lo rende noto il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zanna.

«Nei giorni scorsi – dichiara Zanna – abbiamo, anche durante l’Ecoforum sui rifiuti, espresso le nostre critiche sulla proposta di piano dei rifiuti presentato dalla Regione: lo riteniamo molto carente, una mera dichiarazione d’intenti, dove si elencano degli obiettivi da raggiungere ma non come potere attuarli».

Il presidente di Legambiente Sicilia parla del «vero nodo, quello degli impianti, che non vengono in alcun modo programmati» e afferma: «quindi, non poteva non arrivare il duro giudizio del Ministero dell’Ambiente. Ma, nessuno ha forse notato, compreso il Movimento 5 stelle, che il Ministero, sulla questione impianti, ribadisce la necessità di realizzare almeno due inceneritori in Sicilia. È una proposta vergognosa».

«Non facciamo passare sotto silenzio questa scellerata ipotesi – conclude Zanna -, che ci farebbe tornare indietro e ricominciare un avvilente dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti in Sicilia».