Un progetto che, partendo dal coinvolgimento delle scuole, si pone come obiettivo quello di sensibilizzare nei confronti di uno dei temi ambientali più rilevanti per la salute dei cittadini: la qualità dell’aria.
Si tratta di CleanAir@School, presentato questa mattina nella sala stampa dell’Assemblea Regionale Siciliana, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro, di Arpa Sicilia e del provveditore di Palermo, Marco Anello.

In Sicilia parteciperanno scuole di Palermo, Siracusa, Messina e Catania, con le attività che saranno svolte insieme al personale di Arpa Sicilia.

Il progetto, promosso dall’Epa Network (la rete delle agenzie ambientali europee), ha come coordinatore in Italia l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca mbientale), che partecipa insieme alle 15 agenzie del Snpa (Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente) aderenti all’iniziativa.

L’assessore Toto Cordaro

«Un progetto straordinario. Voluto fortemente – afferma l’assessore regionale all’Ambiente, Toto Cordaro – dal Ministero per l’Ambiente e subito recepito dalla Regione Siciliana».

Ecco in che cosa consisiterà: «È un progetto – continua l’assessore – che consiste nella distribuzione dei kit, che daranno la possibilità alle scuole di effettuare il monitoraggio. Stiamo lavorando per rendere i giovani studenti protagonisti di una nuova cultura della tutela dell’ambiente e siamo sicuri che alla fine di questo percorso avremo formato dei cittadini più consapevoli».

E ancora: «La Sicilia è una regione all’avanguardia sull’ambienteconclude Toto Cordaro – non soltanto per istillare una nuova cultura della tutela ma anche per porre in essere azioni concrete. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che appena lunedì scorso il Ministro per l’Ambiente, Sergio Costa, e il presidente della Regione, Nello Musumeci, hanno firmato un accordo di programma che vuole guardare ad una nuova concezione del rapporto scuola-lavoro-casa attraverso auto ibride ed elettriche e proprio per questo riceveremo un finanziamento di 4 milioni di euro che stiamo utilizzando per migliorare le condizioni di qualità dell’aria e quindi della salute dei siciliani».

Si prevedono attività di educazione ambientale e formazione attraverso il monitoraggio di biossido di azoto, uno degli inquinanti principali delle aree urbane, determinato in larga misura dal traffico auto veicolare.

«È importante partire dalle scuole – dichiara il direttore generale di Arpa Sicilia, Francesco Vazzana – per creare interesse e consapevolezza sulle tematiche ambientali. Partiamo dai ragazzi per arrivare alle famiglie, per fare in modo che anche a casa si parli di ambiente».

«Al progetto CleanAir@School – aggiunge Vazzanahanno aderito ben 15 agenzie regionali, per il Sistema nazionale a rete per la protezione dell’Ambiente (Snpa). L’obiettivo, infatti, è anche quello di far conoscere le attività di monitoraggio e controllo svolto dalle Arpa sui territori e accorciare così la distanza tra le istituzioni che si occupano di ambiente e la cittadinanza».

Ecco qui di seguito l’elenco delle otto scuole siciliane aderenti al progetto:

1 – I.C.S. “Rita Levi Montalcini” – Palermo;

2 – I.C.S. “Politeama” – Palermo;

3 – I.C.S. “Pascoli-Crispi” – Messina;

4 – I.C.S. “Tremestieri” – Messina;

5 – XIII I.C. “Archimede” – Siracusa;

6) – I.I.S.S. “Antonello Gagini” – Siracusa;

7) – Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” – Catania;

8) – I.T. Industriale “S.Cannizzaro” – Catania.