Consegnati ieri pomeriggio al comune di Termini Imerese gli attestati di merito ai quattro atleti termitani che sono arrivati in bici a Piazza San Pietro, a Roma. L’impresa è riuscita  pedalando per oltre 954 chilometri.
Sono partiti da Termini Imerese la notte di lunedì 17 luglio, alle ore 4 e sono arrivati a Roma giovedì sera alle 21,15.
Il sindaco Francesco Giunta e l’assessore allo Sport, Rosa Lo Bianco, hanno consegnato il premio Salvarore Comella, della ASD “Un pò di Bici”, Massimo Bellomonte, Bartolomeo Callari e Elio Morreale, della ASD Termini Bike. Alla cerimonia erano presenti anche i consiglieri comunali Anna Chiara, Michele Galioto e Antonino Borgognone. La cerimonia di premiazione, promossa dall’amministrazione comuale di Termini Imerese, è stata curata con la collaborazione Massimiliano Costa, sportivo termitano tesserato ed iscritto alla ASD Un pò di bici.

«Cultura e sport si coniugano – ha affermato l’assessore Lo Bianco – siamo orgogliosi dei nostri atleti e ci auguriamo che possano essere da esempio per i nostri giovani. Un ringraziamento va anche alle associazioni ed ai presidenti delle due associazioni ASD Un pò di bici e ASD Termini bike».

A nome di tutti è intervenuto Bartolomeo Callari, l’ideatore dell’impresa romana: «L’impresa a Roma è la punta di un percorso lungo di allenamenti che già abbiamo macinato in Sicilia. Non è stato facile riuscire ad organizzare l’evento, ci siamo riusciti e per questo dobbiamo ringraziare Massimo Bellomonte che è titolare dell’azienda Beca Box Factory di Termini Imerese, il quale ha sponsorizzato l’evento e ci ha così consentito di arrivare a Roma. Le società sportive sono due ASD “Un pò di Bici” e la ASD Termini Bike e le imprese le facciamo tutti i giorni, quella di Roma ha avuto maggiore risonanza ma in questi anni in Sicilia abbiamo consumato ben oltre 1000 chilometri. Il mondo della bici sta coinvolgento tanti a Termini Imerese, è uno sport sano che aiuta corpo e mente».

In bici fino a Roma

Nel corso della manifestazione, dedicata con un memorial dedicato a due ciclisti termitani Giuseppe Sperandeo e Carmelo Sacco, sono stati premiati anche Gaetano Pagliano vincitore campionato regionale e Salvatore Algeri secondo assoluto alla gara di domenica scorsa a Termini Imerese.

«Orgoglioso dei quattro atleti termitani che hanno dimostrato che lo sport è passione e amore – ha dichiarato Francesco Giunta, sindaco di Termini Imerese – e ci hanno rappresentato al meglio. Un ringraziamento va alle famiglie Sperandeo e Sacco per aver partecipato all’evento che vuole tenere viva la memoria di chi ha dedicato un vita allo sport. Carmelo Sacco, noto a tante generazioni di sportivi, che ha instradato nella passione del ciclismo amatoriale e dilettantistico. Fin da giovanissimo, infatti, è stato in simbiosi con la due ruote, facendosi promotore e protagonista di iniziative amatoriali e sportive. Per Carmelo Sacco, che ha pedalato fino a età avanzata, la bicicletta non era soltanto lo strumento per tenersi in forma fisicamente ma anche per scoprire sempre nuovi spazi del territorio, comunicando con l’ambiente circostante, senza inquinarlo e senza interferire con l’ecosistema».

Leggi anche:

Da Termini Imerese a Roma in bicicletta. L’impresa di quattro sportivi che pedalano per oltre 950 chilometri