martedì - 20 novembre 2018

 
#regione siciliana#Rosina Salvo#Gaetano Armao

La pediatria del "Dei Bianchi" intitolata a Giuseppe Liotta

La Sicilia piange le sue tredici vittime. Siamo tutti responsabili della loro morte

Tutti sappiamo che la Sicilia pullula di immobili insicuri, edificati in zone ad altro rischio idro geologico. Tutti sappiamo ma nessuno ha il coraggio di agire. Tutti noi siamo i veri carnefici delle 13 vittime

Stamattina, più che mai, la Sicilia ha bisogno di Uomini coraggiosi

Happy birthday Presidente Musumeci. La prima candelina di Nello nel tempo supplementare

La Sicilia è ancora una terra di confine, sospesa più sul vuoto del passato che non protesa verso le opportunità offerte dalle nuove dinamiche di sviluppo di alcune regioni italiane, a cui oggi chiediamo “aiuto” per il loro know-how in diversi settori

banche e comuni in sinergia per il rilancio del paesaggio

Le Madonie rifornite dagli elicotteri militari. Accadde domani

Le Madonie si svuotano, sotto lo sguardo rassegnato di una popolazione invecchiata, destinata a scomparire.  La soluzione? Stop ai carrozzoni politici. Serve un manager capace di attrarre ospiti,  investimenti e creare forza lavoro

La Culotta farà "quadrato" con la nostra testata sulle questioni sollevate?

Magda Culotta fa “quadrato” con la governance in nome dello “sviluppo locale”. Anche della legalità?

È bastato un comunicato stampa diramato da Pippo Guercio, per fare uscire allo scoperto, stizzita, Magda Culotta, deputato del PD. Ma la Culotta farà “quadrato” con Madonie Notizie? Attendiamo la sua reazione

un gigantesco puzzle, ogni tessera è preziosa

Un anno di storie, tra dolore e speranza, la nostra “mission” continua

Un altro anno è trascorso. Il nostro compito, al di là della cronaca, è quello di raccontare le storie e ne abbiamo approfondite tante

il paesaggio madonita soffre un'immeritata crisi: ficile & c. devono lasciare

Aree interne: nell’assemblea generale dei sindaci monta la delusione ed il nervosismo, Di Martino: «Rinunciamo a tutto»

Una “strategia” che i cittadini del Paesaggio (territorio) madonita non conoscono, in quanto non sarebbero stati coinvolti e che sarebbe stata redatta con metodi “poco ortodossi e poco opportuni”

La città di Ruggero II non può essere strumentalizzata per accanimenti politici o personali

Il riconoscimento Unesco lascia indifferenti, sotto uno sguardo UNICO

Un riconoscimento non è un valore aggiunto, ma, di certo, un passaporto per il mondo. Eppure, domenica 30 ottobre scorso, la Piazza Duomo di Cefalù era gremita di tante persone, ma tra queste, poche erano cefaludesi. I giornali telematici, i social networks abbondano e strabbondano di cefaludesi critici e preoccupati per le sorti della Città di

referendun: “si” o un “no” sulla permanenza, o meno, del Governo Renzi

L’ardito quesito referendario e l’inconsapevole voto degli italiani: NO o SI, questo è il problema

Il popolo italiano ha l’imbarazzo di esprimersi su questioni che non è in grado di approfondire, un “si” o un “no” non certo sul quesito referendario ma sulla permanenza, o meno, del Governo Renzi

Si parla di Snai , ma pochi sanno che esiste e ai più è ignota la sua azione

Il Re è nudo: organizzarsi e lottare per il lavoro che non c’è, forza giovani fate sentire la vostra voce!

Rallentamento assunzioni nei primi otto mesi dell’anno (-8,5 %), crollo contratti stabili  (-32,9 %) e licenziamenti per giusta causa (+ 30 %), non se ne parla, la notizia è sommersa dagli strombazzanti reportage dell’ incontro tra Renzi e Barak Obama

Racconteremo le disfunzioni e le eccellenze del paesaggio per renderle incaccellabili

Tracciata una nuova road map con un unico obiettivo: informarvi

Il Caleidoscopio, dunque, si trasforma, si evolve, cresce, ma non cambia la mission: il nostro gruppo è pronto a raccontare la cronaca del territorio delle Madonie, di Termini Imerese, di Cefalù.

La nostra missione: informarvi, in maniera libera ed indipendente

Cambiamo nome ma non la mission: raccontare quello che qualcuno non vuole che si sappia, contaminati da nuove professionalità

“Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda”.
In questi anni abbiamo cercato di interpretare il pensiero di Horacio Verbitsky,  giornalista “rivoluzionario”, questo è stato il nostro punto di forza.

Login Digitrend s.r.l