“I ritardi della politica ancora una volta frenano lo sviluppo e danneggiano il settore delle costruzioni in Sicilia. L’ennesima conferma arriva dalla mancata pubblicazione sulla Gurs, del decreto sull’istituzione del fondo di rotazione regionale, per la progettazione dei lavori relativi alla programmazione comunitaria 2014-2020. Senza la sua pubblicazione, gli enti locali siciliani non hanno né avranno le risorse necessarie a progettare opere pubbliche sul territorio”. La denuncia arriva da Santino Barbera, segretario generale Filca Cisl Sicilia, che un mese fa ha incontrato, insieme agli altri componenti della Consulta regionale delle costruzioni, l’assessore regionale alle Infrastrutture Luigi Bosco.

“In quell’occasione l’esponente del governo Crocetta – afferma Barbera – ci aveva assicurato che entro una settimana sarebbe stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, il decreto sul fondo di rotazione regionale, strumento fondamentale per consentire agli enti locali siciliani, di progettare le opere pubbliche nei territori. Nulla è stato fatto, se non le solite promesse che hanno contraddistinto 5 anni di governo Crocetta”.

Il segretario degli edili della Cisl siciliana ricorda come la programmazione di questi interventi avrebbe dovuto essere avviata già 3 anni fa. “Ma i tempi della politica – rimarca – non coincidono mai con i tempi del lavoro produttivo, tanto che in questa legislatura si sono persi quasi 100 mila occupati nel settore edile, senza che si sia battuto veramente un colpo per arrestare quest’emorragia”.