La Camera Penale di Termini Imerese, Cefalù, Madonie, in relazione alle motivazioni contenute nella delibera di astensione proclamata dalla giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane, aderirà all’astensione proclamata per i giorni 22, 23, 24, 25 maggio prossimo. Informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle conseguenze legate all’approvazione del DDL Orlando di riforma del codice penale e di procedura penale.

Lo sciopero è contro due novità ritenute per gli avvocati “assolutamente inaccettabili”. In particolare, gli avvocati non accettano la sospensione dei termini della prescrizione nel corso del giudizio per ulteriori tre anni e l’ampliamento dei casi di partecipazione a distanza dei detenuti al dibattimento attraverso la videoconferenza.
Gli avvocati contestano altresì la scelta di proporre, in sede di approvazione del disegno di legge, il voto di fiducia, con la soppressione del dibattito parlamentare.

Per conoscere i motivi della protesta e vedere i video degli avvocati Maria Pia Cafiso, presidente della Camera Penale di Termini Imerese, Rocco Chinnici, vice presidente della Camera Penale e Mariaclaudia Culotta, presidente della commissione osservatorio formazione giovani avvocati clicca qui

Intanto, prosegue la raccolta firme per la proposta di legge costituzionale per la separazione delle carriere dei magistrati inquirenti e giudicanti. Clicca qui per vedere dove e quando firmare