La principessa Vittoria Alliata assolta perché il fatto non sussiste. Era finita dinanzi al giudice monocratico Giuseppina Turrisi per aver violato l’articolo 392 del Codice Penale (avrebbe rotto un lucchetto a danno dei vicini), in relazione a fatti verificatisi nel 2014 a Villa Valguarnera, una delle ville monumentali settecenteschi di Bagheria di maggiore interesse.
Con la sentenza emessa in data odierna (18 ottobre), il magistrato ha accolto le ragioni del difensore, avvocato Vincenzo Lo Re del foro di Palermo, il quale ha dimostrato come la sua assistita, oggi presente in Aula, non ha mai commesso il fatto che le veniva contestato.
Tesi confermata oggi in aula anche da un teste, Filippo Rumore. 

Villa ValguarneraIl Pubblico Ministero, Giacomo Cracchiolo, aveva chiesto la condanna al pagamento di 100 euro di ammenda. Il giudice Turrisi si è riservato di depositare le motivazioni della sentenza tra 90 giorni.