La Polizia di Stato ha arrestato G.M. di 26 anni, B.F. di 24 anni, G.C. e S.S. di 18 anni, tutti residenti a Bagheria, responsabili del reato di tentato furto aggravato in concorso. Gli agenti del Commissariato di Bagheria hanno sventato infatti un furto presso l’abitazione di un’anziana signora, sorprendendo quattro giovanni durante le fasi del colpo. I poliziotti sono giunti all’arresto dei giovani bagheresi dopo una serie di intuizioni investigative, osservazioni e pedinamenti, nei confronti di G.M., soggetto conosciuto per i suoi precedenti di polizia.

La scorsa notte,  il 26enne bagherese  alla guida di una vettura Lancia Y, si è diretto in centro per incontrare i tre complici. Intorno all’una di notte, i quattro  sospettati, riunitisi a bordo di un’unica autovettura, si sono diretti a Ficarazzi in via S. Pertini. Due di loro sono scesi dall’auto incappucciati. La macchina è stata poi parcheggiata in un via limitrofa.

Dopo che gli altri due sono scesi dall’auto, i poliziotti sono intervenuti fermandoli; il loro atteggiamento ha lasciato pochi dubbi sul fatto che si trovassero in quel luogo per fornire adeguata copertura ai loro complici. Hanno riferito infatti di essersi recati a Ficarazzi per mangiare un panino e che da lì a poco sarebbero tornati a Bagheria. Nulla hanno riferito, invece, sugli altri due soggetti giunti  insieme a loro.

Gli agenti, poco dopo, hanno notato gli altri due, entrambi 18enni, che, alla loro vista, hanno cercato di allontanarsi. Ma poi sono stati tempestivamente bloccati. Uno dei quattro malfattori, incalzato dalle domande dei poliziotti, avrebbe ammesso di essere andato a Ficarazzi per compiere un furto. Gli agenti sono poi risaliti all’abitazione “visitata” dai giovani il cui lucchetto e catena, a protezione della grata di un infisso, sono risultati tranciati.

I quattro giovani, alla luce di quanto emerso, sono stati arrestati per il reato di tentato furto aggravato in concorso.