Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Cefalù ad arrestare il trentasettenne Salvatore Bonsignore e il ventottenne Salvatore Fama, originari di Licata (Agrigento) con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Nella giornata di ieri, lunedì 11 settembre, poco prima delle 13, i militari si trovavano sull’autostrada Palermo-Catania, in direzione di Catania, quando hanno notato una Renault Clio di colore argento a bordo della quale viaggiavano due giovani.

A seguito dell’interrogazione alla Banca Dati, dove accedono tutte le forze di polizia, i militari hanno ipotizzato che i due (volti noti alle forze dell’ordine) avessero effettuato una trasferta dalla provincia di Agrigento a Palermo per rifornirsi di sostanza stupefacente ed hanno, così, deciso di seguirla.

Giunti al bivio di Scillato i Carabinieri hanno fermato l’autovettura condotta da Bonsignore. La perquisizione ha permesso di rinvenire e sequestrare all’interno dell’abitacolo dell’automobile, occultata sotto la moquette del sedile anteriore lato passeggero, 2 involucri di plastica contenenti 10 grammi di eroina, così come confermato dal drug – test.
I due sottoposti al giudizio con il rito direttissimo dopo la convalida dell’arresto sono stati sottoposti all’obbligo di firma.