Il tema dei ruoli e delle funzioni delle Assemblee elettive nei nostri enti locali sono stati sin dall’entrata in vigore della legge sull’elezione diretta dei Sindaci momento ed argomento di vivaci dibattiti rivolti soprattutto a descrivere i reali contorni del rapporto fra detti organi istituzionali.
A tal proposito, l’Associazione Siciliana Amministratori Locali (ASAEL), presieduta da Matteo Cocchiara (nella foto), ha organizzato un momento di riflessione sul “Ruolo e la funzione dei Consigli Comunali” che si svolgerà, a Castelbuono, presso la sala “Badia”, venerdì 6 ottobre.

Illustri relatori, tra cui Massimo Greco, Cultore di diritto pubblico, esperto in materia di enti locali e nostro collaboratore, si confronteranno sull’efficacia del ruolo di “programmazione, indirizzo e controllo”, assegnato dall’attuale normativa ai civici consessi.

cocchiara

L’evento castelbuonese, che annovererà la partecipazione del presidente del consiglio comunale di Palermo, Salvatore Orlando, sarà l’occasione per la costituzione della “Conferenza permanente dei Presidenti dei Consigli Comunali della Città a Rete Madonie-Termini”.

La suddetta conferenza sarà composta dai presidenti dei consigli comunali di Alimena, Blufi, Bompietro, Caccamo, Caltavuturo, Campofelice di Roccella, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefalù, Cerda, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Lascari, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, Resuttano, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Termini Imerese e Valledolmo.

“Desideriamo esercitare un’azione di sensibilizzazione nei confronti dei vari organi di governo al fine di richiamare l’attenzione sulla necessità di calibrare le politiche, sia quelle ordinarie che straordinarie, in ragione delle reali specificità e dei concreti bisogni del comprensorio”, affermano in una nota i presidenti dei consessi consiliari.

“Il nuovo organismo – continua la nota – avrà come attività prevalente lo studio dei problemi inerenti la gestione in forma associata (strutture sovra comunali imposte per legge) dei pubblici servizi afferenti lo smaltimento dei rifiuti, il ciclo integrato delle acque, i piani di zona dei distretti Sociosanitari, sempre dal punto di vista dei bisogni dei cittadini”.

La conferenza dei presidenti darebbe man forte alle rispettive amministrazioni attive nell’individuare, analizzandone le cause, tutti “quei fenomeni socio-economici che costituiscono limitazioni ad un ordinario e normale processo di sviluppo delle Comunità”.

E non solo. I buoni propositi del gruppo di giovani presidenti si spazieranno anche sulla “tutela del territorio, della viabilità di collegamento interno e di accesso alle grandi arterie di comunicazione, della commercializzazione diretta dei prodotti locali da parte de produttori nei circuiti interni al territorio e non, della piena fruizione dei beni culturali collegata ad forme di turismo lento e sostenibile, del potenziamento dei servizi sanitari e socio-sanitari”.

Invito convegno