Si è da poco conclusa l’operazione Praesidium con l’esecuzione da parte del Comando Provinciale Carabinieri di Palermo di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di dodici tra boss e gregari. Si è così posta la parola “fine” ad un traffico internazionale di cocaina tra Bagheria e l’Argentina. L’operazione ha coinvolto gli uomini dell’Arma di Palermo, Roma, Bagheria e Tolmezzo (UD), ed i Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Termini Imerese su richiesta della Procura della Repubblica di quel Tribunale, nei confronti di trafficanti, fra i quali alcuni appartenenti al mandamento mafioso di Bagheria. Inoltre, è stato individuato un gruppo di spacciatori prevalentemente operante nei locali notturni delle province di Palermo e Trapani.

Ecco i nomi degli arrestati: Gioacchino Bonaccorso, nato a Palermo, classe 1973, residente a Santa Flavia (PA); Salvatore Cecala,  nato a Caccamo (PA), classe 1971; Giuseppe Faia, nato a Palermo, classe 1986; Emiliano Pasimovich, nato in Argentina, classe 1985, residente ad Ardea (Roma); Calogero Rio, nato a Termini Imerese, classe 1962; Salvatore Rotolo, nato a Palermo, classe 1979, domiciliato ad Isola delle Femmine; Pasquale Testa, nato a Palermo, classe 1992, residente a Bagheria; Giacinto Tutino, nato a Bagheria nel 1955, residente a Bagheria,  sottoposto alla sorveglianza speciale di P.S.; Carmelo D’Amico, nato a Palermo, classe 1969,  detenuto presso la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo; Nicolò Testa, nato a Bagheria, classe 1962, detenuto presso la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo; Giuseppe Antonio Giallombardo, nato a Palermo, classe 1976, detenuto c/o Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo; Salvatore Drago Ferrante, nato a Bagheria, classe 1964, detenuto c/o Casa Circondariale di Tolmezzo (UD).