I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo hanno arrestato per detenzione illegale d’arma da fuoco, minaccia aggravata e sequestro di persona, F.L., nato a Palermo, classe 1926. L’uomo, a causa di un violento litigio per futili motivi con i familiari, ha minacciato la moglie di 87 anni ed i figli di 64, 60 e 57 anni con una rivoltella calibro 5,75 non legalmente detenuta.  Dopo avere costretto due dei suoi figli ad uscire dalla stanza dove si trovava vi si è chiuso con la figlia e la moglie minacciando entrambe di ucciderle.

Allertati dalla Centrale Operativa, i militari sono intervenuti immediatamente, evitando così il peggio e convincendo l’anziano a desistere dal suo intento. Entrati poi nell’abitazione, lo hanno bloccato.  A seguito della perquisizione, i Carabinieri,  hanno trovato la rivoltella e 26 proiettili, il tutto posto è stato posto sotto sequestro. L’arrestato è ora in regime degli arresti domiciliari in attesa udienza di convalida, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.