Illeciti e irregolarità commesse nella gestione economica e finanziaria dell’ente locale. Sono stati attribuiti all’ex sindaco di Caccamo Desiderio Capitano e all’ex responsabile finanziario dell’ente Giuseppe La Rocca, entrambi condannati  in primo grado dai giudici della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti. La Rocca dovrà risarcire al Comune 474 mila euro. Insieme a Capitano dovrà poi risarcire in solido 160 mila euro, quasi 3 mila euro in solido anche con il consigliere comunale Michele Geraci.

L’ex primo cittadino dovrà invece versare al comune anche 32 mila euro per il danno di immagine. L’indagine è scattata a seguito di segnalazioni del  sindaco Andrea Galbo, risalenti tra settembre 2012 e aprile 2013, in cui risultavano privi di giustificazioni numerosi mandati di spese effettuate con le casse comunali emessi dallo stesso primo cittadino e dal responsabile finanziario.