«Non conosco le persone indagate in questa vicenda, non ho mai intrattenuto rapporti con loro e non conosco i fatti. Ciò perché io sono stata nominata direttore dei lavori solo a dicembre del 2016, insomma sono arrivata da quattro mesi».
Così a BlogSicilia l’architetto Ester Bonafede, ex assessore regionale, si difende dopo aver appreso di essere indagata dalla procura di Firenze nell’ambito di una inchiesta per tangenti partita dagli appalti Anas in Toscana e approdata in Sicilia e in particolare nell’appalto da 4 milioni di euro per la realizzazione dell’albergo diffuso di Sambuca di Sicilia.

CONTINUA A LEGGERE