La Polizia di Stato ha arrestato M.M., incensurato bagherese di 49 anni,  responsabile del reato di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Ad operare l’arresto a Bagheria i poliziotti della sezione investigativa del Commissariato Libertà che, annodando le fila di precedenti indagini sono giunti nel popoloso comune alle porte di Palermo e, precisamente, nei pressi di un edificio in via Caputo.

Sono bastate poche ore di appostamento per registrare un anomalo andirivieni di giovani. E’, così, scattata la perquisizione in un appartamento ed in un box dello stabile, riconducibili al 49enne bagherese, incensurato. Nei due locali è stata rinvenuta marijuana, che si presentava nelle sue diverse fasi.

Nel box, a piano terra, i poliziotti hanno rinvenuto ben 38 vasi contenenti piantine con germogli di marijuana in fase di crescita ed un vaso con una pianta già sviluppata ed alta 1 metro e 40. La zona era stata adibita a piccola serra “indoor”, corredata da  2 ventole per l’areazione, una lampada, ed un trasformatore energetico.

M.M. non aveva trascurato neanche la successiva fase della preparazione alla vendita, alla luce del ritrovamento anche di un bilancino di precisione, di una busta contenente 86 involucri di marijuana, di una busta contenente 303 grammi di marijuana, di numerose altre bustine utilizzate per il confezionamento e di forbici di varia dimensione. Tutto è stato posto sotto sequestro ed il provvedimento di arresto dell’uomo  è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria. Ulteriori indagini sono in corso per identificare, eventuali altri spacciatori.