La storia del femminicidio della giovane 24enne di Licodia Eubea ad opera dell’ex fidanzato. E’ il tema del libro “Quello che resta. Storia di Stefania Noce” che sarà presentato venerdì 24 novembre alle 16,30 a Lascari (in via libertà, 13), in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Presente all’iniziativa, organizzata dall’associazione Auser, l’autrice Serena Maiorana vincitrice del premio Amnesty International “Human Right Defenders 2014”.

A seguire alle  21, presso la Sala Agostino (gradinata accanto alla Chiesa), l’Oratorio San Giovanni Bosco metterà in scena “Picciridda Stidda” di Francesco Randazzo con l’attrice Sebastiana Eriu. Con la performance l’attrice Eriu impersona Rosalia Lombardo, la bambina imbalsamata dal dottor Alfredo Salafia nel 1920 e, suo malgrado in mostra permanente al cimitero dei Cappuccini di Palermo, che in tanti conoscono, per via della sua incredibile conservazione e quella sensazione di bella bambina dormiente che sembra ancora viva.

Serena Maiorana, esperta in comunicazione, trascorrere un periodo di studi a Roma, presso le redazioni giornalistiche delle trasmissioni Anno Zero (Rai2), Report (Rai3) e La guerra infinita (Rai3). Dopo una lunga pratica giornalistica (La Sicilia, Giornale di Sicilia, Gazzetta del Sud, etc.) si è specializzata in comunicazione sociale e culturale, collaborando, tra gli altri, con il Teatro Stabile e il Teatro Massimo Bellini di Catania. Con Villaggio Maori ha pubblicato anche il racconto L’abbandono e la polvere nera (2007), vincitore della prima edizione del concorso letterario “Raccontare il Monastero”.

Francesco Randazzo, attivo in Italia e all’estero come regista e autore per importanti teatri e festival, fra i quali: Todi Festival, Teatro Stabile di Catania, Ortigia Festival, Narodno Kazaliste “I Zaic” di Rijeka, Festival di Dubrovnik, Teatro Nacional Juvenil de Venezuela, Teatro IT&D di Zagabria, Playwright Festival of New York, Festival des Films du Monde di Montréal, Festival Universcènes de Toulouse. Fondatore della Compagnia degli Ostinati – Officina Teatro, della quale è direttore artistico. Ha pubblicato con vari editori, testi teatrali, poesie, racconti ed un romanzo, ed ha ottenuto numerosi riconoscimenti in premi di drammaturgia nazionali e internazionali. Suoi testi teatrali sono stati tradotti e rappresentati in spagnolo, francese e inglese.

Sebastiana Eriu, diplomata alla Scuola di Teatro Classico dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa nel 1996, ha lavorato come attrice con molti registi tra i quali Francesco Randazzo, Accursio Di Leo, Egisto Marcucci, G. Pressburger, G. Sammartano, Irene Papas e Jurgun Muller/La Fura dels Baus, Luca Ronconi, e molti altri, interpretando vari ruoli.