“Nome Dolcissimo”, questo il nome del concerto di musica mariana, a cura della Corale di Villabate “Annamaria Pitarresi” e che si terrà al Duomo di Cefalù questo sabato 9 dicembre alle 20. Proprio all’indomani dell’Immacolata Concezione, festa cattolica dedicata a Maria, la madre di Gesù Cristo. L’evento è patrocinato dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Cefalù. La Corale di Villabate è diretta dal maestro Simone Alaimo (basso baritono villabatese doc famoso in molte parti del mondo).

Dopo il successo dello stesso repertorio eseguito presso la parrocchia “Sant’Agata” di Villabate lo scorso 13 ottobre, Alaimo insieme ad altri 52 villabatesi cantanti non professionisti ma amanti della musica, proveranno a lasciare a bocca aperta il pubblico cefaludese. I cantori saranno accompagnati dalle note del pianoforte della musicista bulgara Rayna Karjieva.

«Siamo fiduciosi nella partecipazione di un folto pubblico – commenta a Madonie Notizie, il maestro Simone Alaimo – colgo l’occasione per ringraziare l’amministrazione cefaludese, la corale, e tutti coloro i quali si sono adoperati per l’organizzazione dell’evento. Finora abbiamo cantato in diversi parti della Sicilia – sottolinea Alaimo – e non ci siamo mai allontanati dalla Nostra Amata Isola. Ma abbiamo in programma – conclude Alaimo – di esibirci a Bordeaux in Francia, a Padova ed in altre parti d’Italia».

La Corale di Villabate “Annamaria Pitarresi” nasce nel 2010 da un’idea di Simone Alaimo e della villabatese Caterina Vitale, sostenitrice della prima ora di Simone Alaimo. La Corale porta il nome della mamma di Alaimo, anche lei insegnante e direttrice di molte corali parrocchiali villabatesi. Annamaria Pitarresi, inoltre, ha insegnato ad intere generazioni i canti della “Passione e Morte di Gesù” (storica rappresentazione dell’evento biblico, tramandata a Villabate fino ad oggi e che vede in scena ogni anno nel periodo di Pasqua semplici cittadini e quindi attori non professionisti).

Annamaria Pitarresi, inoltre, ha scritto, insieme al figlio Simone, la musica dell’Inno di Villabate. Simone, da solo, in un secondo momento ha scritto in dialetto siciliano le parole del testo. Alaimo, inoltre è reduce dal successo de “L’Italiana in Algeri” (opera lirica italiana che consta di due atti, scritta da Gioacchino Rossini) andata in scena al Teatro Massimo di Palermo con numerose e ripetute repliche durante tutto lo scorso mese. Alaimo è stato impegnato a rivestire i panni di Mustafà, quindi nel ruolo di protagonista.