Intervenendo ai lavori del Comitato di Sorveglianza del PO FESR 2014/2020, il Presidente dell’Asael, Matteo Cocchiara ha evidenziato la grave e precaria condizione in cui versano i comuni siciliani, stante che non possono di certo partecipare agli avvisi che saranno attivati, non disponendo delle necessarie risorse finanziarie per affidare gli incarichi di progettazione per le opere che vorrebbero realizzare con i fondi comunitari.

Ecco i tre punti evidenziati dal Presidente dell’Asael:

In un momento in cui gli enti locali non possono disporre di risorse derivanti dai trasferimenti regionali destinati agli investimenti per la nota condizione di crisi in cui si dibatte il bilancio della regione, l’utilizzazione dei fondi del PO FESR costituirebbero strumento unico per dare sfogo all’economia locale e per realizzare importanti infrastrutture.

E’ assolutamente urgente pertanto che Governo ed Autorità di Gestione diano corso a quel Fondo per la progettazione di opere e/o infrastrutture rivolto agli Enti Locali previsto al c.25 dell’art.7 della L.R n.3/2016.

Inoltre all’Autorità di gestione ha suggerito che gli enti locali vengano edotti con appropriati e tempestivi piani di comunicazione sul contenuto degli avvisi in cui gli stessi possono essere interessati.