mercoledì - 29 marzo 2017

 
#Termini Imerese#Palermo#arresto#droga#Associazioni

Visitare questi posti è indispensabile per conoscere la storia della nostra Sicilia

occhiola

Occhiolà, oggi un parco archeologico, ieri teatro delle storie di Verga e Capuana

Occhiolà, quanti di voi hanno mai sentito questo nome? Non in molti credo. Eppure Occhiolà è, o meglio è stato, uno dei tanti paesi della nostra Sicilia; un tranquillo borgo agricolo con una popolazione di circa tremila abitanti

0 condivisioni

10 millimetri di diametro

picciuli

Perchè in siciliano i soldi li chiamiamo “i picciuli” ?

Stimolato da Vincenzo Giompaolo, un amico/lettore ragusano, anche lui appassionato di cose siciliane, voglio in questa occasione spiegarvi del perché noi siciliani siamo soliti chiamare i soldi con il nome di picciuli. Tutto deriva dal fatto che anticamente in Sicilia girava una moneta il cui nome era proprio picciolo. Ancora in uso fin nella seconda

0 condivisioni

una probabile derivazione del termine è dal francese "trousse"

truscia

A Truscia

Quanti vocaboli della nostra bella lingua sicula sono ormai scomparsi dalla  abituale parlata; uno di questi è “a truscia”.  Probabile origine della derivazione del nome dovrebbe essere il francese “trousse”; ma cosa è, o meglio cosa era a truscia? La possiamo in qualche maniera considerare come una antenata dei nostri moderni zainetti; i vocabolari infatti,

0 condivisioni

il re incontrastato del giovedì grasso era il cannolo

cannolo-siciliano

Ode al cannolo di lu “joviri grassu”

Si iniziava cu joviri di cummari, si proseguiva con quello dei parenti, poi c’era quello du zuppiddu ed infine, per “santificare” il carnevale, ecco lu joviri grassu. Erano questi i famosi quattro giovedì di carnevale che precedevano l’arrivo della quaresima e che, appropriati proverbi, collegavano essenzialmente alla gastronomia

0 condivisioni

A mé Terra

rimproveri

Come ci rimproveravano i nostri nonni

I tempi son proprio cambiati. È sempre più difficile fare i genitori, ancor più complicato dare ai figli una adeguata educazione. Anticamente, fin da piccoli, genitori e nonni erano sempre pronti a redarguire, minacciare, rimproverare e poi, se inascoltati, a passare subito alle vie di fatto

0 condivisioni

a mé terra

a-me-terra

A San Valentino regala proverbi sul fidanzamento

Quella del fidanzamento è oggi una pratica sempre meno diffusa; eppure avrebbe una sua ragion d’essere; è infatti un periodo, più o meno lungo, che serve alla coppia per conoscersi, scoprirsi, relazionarsi, nella prospettiva di un futuro matrimonio. Il fidanzamento era anticamente ritenuto un passaggio fondamentale per la buona riuscita del matrimonio; naturale quindi che

0 condivisioni
i-malanchiari

Hai mai avuto i malanchiari? Terapia consigliata: la pazienza

Il freddo di questi ultimi giorni mi ha fatto venire in mente una antica parola siciliana, in uso in alcune aree della nostra regione, e che penso in pochi ormai ricorderanno; si tratta di malànchiari. Ne sono rimasto qualche volta vittima e vi posso assicurare che averli non è proprio una piacevole cosa; i malànchiari

0 condivisioni

Se l’olio assumeva una forma rotonda il malocchio era stato fatto da un uomo

malocchio

Come si toglie il “malocchio” in Sicilia

Sarà vero ma non ci credo. Oggi ostentando sicurezza sorridiamo al solo pensiero che il malocchio possa esistere veramente; salvo poi scoprire che, chi più chi meno tutti o quasi utilizziamo, magari anche inconsapevolmente, talismani, scongiuri o gesti scaramantici per tener lontani spiriti maligni, iettatori o presunti tali. Anticamente il malocchio era una cosa seria

0 condivisioni

A mé Terra

il-cambiavalute

I tre modi per arricchire, secondo i siciliani

Il mio non vuol certo essere un suggerimento, ne tanto meno un consiglio, nei riguardi di chi, stanco di una vita “normale” abbia in qualche maniera deciso di arricchirsi.  Approfitto invece di questo argomento per proporvi un altro antico detto della nostra Sicilia, in questo caso una vera e propria perla di saggezza dei nostri

0 condivisioni

A mé Terra

orologi-nando

Perchè si dice “esseri comu a vara i Sannuminicu”

Noi siciliani, si sa, non brilliamo certo per puntualità; ed i nostri tempi sono decisamente diversi da quelli frenetici degli “industriosi” nordici. Noi quando dobbiamo fissare un appuntamento lo facciamo sempre per approssimazione. “Ci vediamo verso le undici”; mai sentirete un siciliano dire: “Ci vediamo alle undici”; troppo impegnativo. Ecco quindi che chi ritarda per

0 condivisioni

Il 6 gennaio puntualmente arriverà la lotteria per dispensare milioni ai più fortunati

dinari

Proverbi e soldi in attesa della lotteria

È arrivato il nuovo anno, come sarà? Alla mezzanotte del 31 si sono fatti brindisi, mangiato lenticchie e chicchi d’uva e, come spesso accade, tanti appassionati avranno già consultato l’oroscopo

0 condivisioni

il capodanno è stato sempre un po’ ballerino

brindisi

Quando in Sicilia il Capodanno era il primo settembre

Tra pochi giorni, anzi potremmo ormai dire tra poche ore, sarà capodanno. Ma quanti di voi sanno che anticamente in Sicilia l’anno iniziava non il 1° di gennaio bensì il 1° di settembre? Ebbene è proprio così; anche se in realtà di anni ne sono passati tantissimi. Ciò accadde infatti durante il dominio bizantino

0 condivisioni

rimane la nostalgia ed il ricordo degli antichi mestieri

cufinaru

Quando c’era “U cufinaru”

Un antico proverbio siciliano recitava: “U matinu inchi u cufinu” . Ma vi siete mai chiesti cosa è u cufinu? Ebbene u cufinu altro non è che una grossa cesta a forma di cono tronco costruita artigianalmente con listelli di canna o con verghe di olivastro ma anche di quercia e castagno

0 condivisioni

utilizzati dai bambini per improvvisare giochi

antirrhinum-majus

Sapete cosa sono i “Suca Suca”?

Il suo nome scientifico è Antirrhinum majus; ma noi ancora oggi, in talune parti della Sicilia, e spero che i più maligni non pensino subito ad una parolaccia, lo chiamiamo molto più popolarmente Suca Suca. Stiamo semplicemente parlando di un bel fiore, che dalle nostre parti cresce anche in maniera spontanea e che sicuramente tutti conosciamo; ovvero le Bocche di Leone

0 condivisioni

A mé Terra

gregge-in-una-giornata-piovosa

Chioviri all’assuppa viddanu, una pioggerellina leggera inzuppa gli abiti dei contadini

 A “gentile richiesta” di alcuni nostri lettori, evidentemente appassionati di  usanze, curiosità e tradizioni sicule; dopo aver spiegato cosa significa “Chioviri pisuli pisuli”  mi tocca rimanere nell’argomento parlando stavolta di un altro caratteristico modo di dire della nostra terra che ha come protagonista sempre la pioggia ovvero: “Chioviri all’assuppa viddanu”. Prima però voglio citarvi alcuni

0 condivisioni

Perchè in Sicilia si dice “Chioviri pisuli pisuli”

L’inverno è già alle porte e quindi, come è giusto che sia, anche da noi in Sicilia può capitare che la pioggia cada abbondante ed ininterrottamente. C’è a tal proposito un modo di dire, tipico della nostra regione, che sta ad indicare questo tipo di situazione meteorologica e che recita: “Chiovi pìsuli pìsuli” 

0 condivisioni

Al momento dell’unità d’Italia esercitavano l'attività oltre 600 legali

avvocati

Palermo, città di liti e cause

Al momento dell’unità d’Italia poi, si potevano pure contare oltre 600 legali; di cui 159 avvocati, 63 patrocinatori presso la Corte Suprema di Giustizia, 248 patrocinatori presso la Gran Corte Civile e 160 presso il Tribunale Civile

0 condivisioni

l’atto del muoversi a piedi

Ecco come cammina un siciliano!

La lingua siciliana è una delle più ricche e più complete; non a caso infatti lo stesso italiano è nato attingendo dal nostro vocabolario. Ho voluto in questo caso proporvene un esempio, riferito ai verbi siciliani e loro sinonimi, che indicano l’atto del muoversi a piedi. Ad incuriosirmi è stato proprio il loro elevato numero e la loro varietà fonetica

0 condivisioni

Perchè i siciliani sono gelosi?

“L’omu gilusu mori curnutu”; è questo uno dei più “coloriti” proverbi che prendono spunto dalla atavica gelosia attribuita al carattere dei Siculi Homines; gelosia spinta spesso fino alle estreme conseguenze e ben descritta da Verga nella splendida opera “Cavalleria Rusticana”

0 condivisioni

E' successo nella Val di Noto con magnitudo 7,4 all' 11° grado della Scala Mercalli

Terremoto, in Sicilia nel 1693 la scossa più forte

Non è certo un argomento di cui si parla volentieri; ma conoscerne taluni aspetti, torna sicuramente utile per aiutarci a ricostruire pezzi di storia della nostra terra di Sicilia, che ai più sono spesso sconosciuti

0 condivisioni
Login Digitrend s.r.l